50 milioni per la 172. Ludovico Vico interroga il governo.

/ Autore:

Società



Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa dell’onorevole Ludovico Vico:

Una strada ad alto tasso di incidentalità e mortalità e un investimento bloccato da circa 11 anni.

E’ in sintesi questo il contenuto di una interrogazione parlamentare rivolta al Ministro delle infrastrutture e Trasporti dal parlamentare Ludovico Vico (PD) e che ha ottenuto il sostegno degli onorevoli co-firmatari Antonio Distaso (PDL) e Dario Ginefra (PD).

Entro 15 giorni la vicenda che riguarda la strada statale 172 (c.d. “Dei Trulli”), infatti dovrebbe approdare nella Commissione competente attraverso le risposte che lo stesso Ministro Passera è chiamato a dare su un tema che ogni anno costa al territorio pugliese un tributo notevole in termini di sinistri e vite umane.

Questa strada – dice Vico – è già stata oggetto, ormai molti anni fa, di lavori di adeguamento ed allargamento della sede e, attualmente, si presenta a quattro corsie solo nel primo tratto (Taranto-Orimini). Il restante percorso super affollato, specie nei mesi estivi, è tuttora a due sole corsie, malgrado l’infrastruttura in progetto (Orimini Superiore, variante di Martina Franca, tronco Casamassima-Putignano e tronco Fasano-Laureto – ndr) sia interessata ad un traffico giornaliero medio pari a circa 21.570 veicoli al giorno.

Ma malgrado alcuni lavori di ammodernamento siano già stati individuati con decreto ministeriale nel novembre del 2001, attualmente l’importante arteria viaria continua ad essere una pericolosa incompiuta.

La Regione Puglia – spiega Vico – ha destinato 15 milioni di euro per il finanziamento della strada statale 172 Dir, 51 milioni di euro di fondi FAS di competenza regionale per la costruzione e adeguamento della quarta corsia sull’Orimini Superiore e la variante all’abitato di Martina Franca.

L’opera è già stata inserita nel contratto di programma ANAS 2007/2011 approvato dal CIPE nel luglio del 2011, ora però si tratta di passare alle misure di fatto.

Il Consiglio regionale della Puglia – spiega ancora Vico nell’interrogazione – già un anno fa (gennaio 2011) e successivamente il 24 gennaio 2012 ha approvato all’unanimità un ordine del giorno ( a firma Boccardi- Pentassuglia ed altri)  che impegna il Presidente della giunta regionale e l’assessore ai lavori pubblici a farsi parte attiva presso il Governo nazionale affinché sia garantito il finanziamento del tronco Putignano-Turi-Casamassima e si proceda all’approvazione nel corso della prossima riunione utile del progetto preliminare da parte del CIPE.

Una pressione sul Governo che l’interrogazione di Vico intende accentuare anche in virtù delle disponibilità residue poste in evidenza proprio durante l’ultima riunione del CIPE (6 dicembre 2011- Decreto-legge n. 98 del 2011) che assegna risorse al sistema MOSE, alla tratta ferroviaria Genova-Milano, al lotto costruttivo Treviglio-Brescia e a lavori di manutenzione straordinaria previsti nel contratto ANAS, ma individua nell’art. 32 dello stesso decreto anche una priorità per i lotti costruttivi inseriti dell’AV/AC (alta velocità e alta capacità) e nei contratti di programma ANAS.

Chiediamo al Governo insomma – conclude Vico – di assegnare le risorse pari a 50 milioni di euro per il finanziamento della strada statale 172. E quelle risorse residue diventano fondamentali per un territorio già notevolmente penalizzato in fatto di mobilità e sicurezza.


commenti

E tu cosa ne pensi?