Paola Cellamare, Candidata Consigliere SEL

/ Autore:

Uncategorized


Paola CellamarePaola Cellamare è nata a Martina Franca il 27/04/78, attualmente collabora in qualità di assistente sociale specialista presso l’ufficio di Piano Sociale di Zona dell’Ambito Territoriale Sociale TA n.5, Martina Franca – Crispiano.
Laureatasi all’Università degli Studi di Parma in Scienze del Servizio Sociale nel 2002, prosegue i suoi studi conseguendo nel 2007 la Laurea Magistrale in Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali, con la votazione di 108/110 discutendo la Tesi dal titolo: Le ONG: espressione concreta di “società civile attiva”.
Da sempre è impegnata nel sociale, prima come volontaria nelle unità locali dei Servizi Socio-Sanitari con l’associazione AVULSS – O.A.R.I., poi come volontaria di Servizio Civile presso la Fondazione San Girolamo Emiliani – Villaggio del Fanciullo di Martina Franca.
Nel 2005 ha svolto attività di formazione come docente di Assistenza Socio-sanitaria per i corsi, riconosciuti dalla Regione Puglia, di formazione per Operatori Socio-Assistenziali, con il Circolo culturale “E. Fermi”, ENDASFORM di Massafra.
Nel 2008 si è occupata della gestione dello sportello “Donna & Sviluppo” con l’agenzia formativa PLOTEUS di Locorotondo, svolgendo attività di orientamento, formazione, consulenza e creazione d’impresa.
Dal 2009 al 2011 ha continuato l’attività di consulenza, formazione e orientamento, come operatrice di sportello del Centro Informagiovani del Comune di Locorotondo, con l’agenzia formativa PLOTEUS, e del Comune di Martina Franca, con la società cooperativa Informa s.c.a.r.l di Bari.
Socia dell’ associazione Martina 2020, ne ha seguito il percorso dall’inizio, dalla Carta Valoriale fino alla stesura delle “Linee strategiche per il buon futuro di Martina Franca”, riassunte nello slogan “la città verde colorata d’arte”.
Convinta sostenitrice della democrazia partecipata sintetizza il suo sentire politico in tre concetti chiave: giustizia sociale, diritti di cittadinanza, welfare inclusivo.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?