Sicurezza in città. Massa: "Dobbiamo resistere". Interviene Ancona

/ Autore:

Cronaca


[nel video il primo furto ai danni di Massa]

A Martina Franca si ruba ancora, e lo dimostra il tentato furto di due notti fa ai danni di Massa. Un furto le cui dinamiche assomigliano ai film d’azione che siamo abituati a vedere in tv. Ad opera di professionisti, si direbbe, perchè il racconto di come è andata dimostra quale sia il livello di organizzazione. Innanzitutto l’auto, una Audi A8, macchina potente, rubata a Bari e una Fiat Uno, rubata sul momento per sfondare (la cosiddetta “spaccata”) la vetrina. Due colpi veloci in retromarcia e il vetro blindato si inclina abbastanza da permettere ai ladri di entrare piegati. Ma questa volta non hanno vita facile, la Polizia interviene immediatamente e li mette in fuga, inseguendoli fino ai confini con Locorotondo, dove si perdono le loro tracce.

Questa volta è andata bene: questa volta perchè poche settimane fa ci avevano provato di nuovo, riuscendoci, portandosi via decine di migliaia di euro di merce.

Il problema” ci dice Roberto Massaè che esiste un mercato molto florido di questo tipo di merce. I cittadini dovrebbero chiedersi da dove arrivano i capi di marca che costano poco, soprattutto se acquistati in negozi aperti all’occorrenza“.

Il danno di un furto del genere non lo subisce solo il commerciante” continua Massa “ma l’intera comunità. Perchè a furia di essere bersagli di attività criminali i commercianti potrebbero anche stancarsi e chiudere bottega, lasciando per strada lavoratori e i cittadini per i quali quella attività rappresentava un punto di riferimento“.

Roberto Massa ci tiene a ringraziare i poliziotti che comunque hanno provato a fermare i ladri mettendo a rischio la propria vita.

Il caso ha voluto che la mattina del furto si incontrassero all’aeroporto di Bari con il sindaco Ancona, il quale si è fatto subito carico della vicenda, convocando i dirigenti delle Forze dell’Ordine locali. Alla fine dell’incontro, in una nota stampa, ha dichiarato: “Il lavoro svolto dalle Forze dell’Ordine è fondamentale per la nostra comunità. L’Amministrazione intraprenderà un proficuo rapporto di collaborazione con tutte le Istituzioni al fine di diffondere quel senso di sicurezza e tranquillità di cui i cittadini hanno bisogno”.

Ovvero: fare rete.

E di rete sarebbe necessario, secondo noi, non solo tra Forze dell’Ordine e Amministrazione, ma tra organizzazioni di categoria e cittadini, tra tutte le realtà del territorio. La sicurezza deve basarsi sulla capacità di prevenzione del crimine, non sulla punizione. Perchè altrimenti i ladri faranno in modo di essere più veloci dei poliziotti e non avendo limiti, scrupoli, gerarchie, saranno sempre avvantaggiati. I ladri non avranno il problema di essere in pochi, e dividersi per esempio tra Martina Franca e Grottaglie le poche auto a disposizione, oppure non avranno il problema di contattare Locorotondo per far fare un posto di blocco. E soprattutto se ne faranno beffe di 28 telecamere piazzate intorno al centro storico non si capisce bene per far cosa, magari per evitare che dal borgo antico escano troppi albanesi a infastidire i martinesi. Ma anche se fosse, considerando che i furti avvengono per la maggior parte di notte, che senso ha la parola prevenzione se i filmati potranno essere visionati solo il giorno dopo?

I dubbi non riguardano solo le videocamere, che comunque dovrebbero rappresentare solo una delle azioni da intraprendere per intervenire efficacemente. Una più importante azione dovrebbe essere diffondere una cultura di partecipazione, che guidi i cittadini ad occuparsi gli uni del benessere degli altri.

Nel frattempo rimane che Massa ha subito un altro furto, il secondo nello stesso posto. Lungi dall’essere un segnale di un accanimento, è la dimostrazione che quando la prima volta va bene si ritorna nello stesso posto, così come i clienti i ladri. E i ladri hanno verificato che nonostante la caserma dei Carabinieri sia a pochi metri il posto è tranquillo, nessuno si lamenta nemmeno dei rumori. I ladri hanno verificato che non ci fossero volanti in giro e anche se era relativamente presto, l’una e quarantadue di notte, da lì non passava nessuno.

I ladri, si dice in città, hanno avuto anche la faccia tosta di fare benzina col passamontagna, e di farsi un giro in città.

Questa si che è sicurezza.

 

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?