Consiglio Comunale: Sel e Puglia per Vendola si siedono tra l'opposizione, qualcuno riconosce Raffaella Spina

/ Autore:

Politica


Ci sono alcune curiosità legate a questo primo Consiglio Comunale. Tentiamo di raccontarle, per fare immaginare al lettore un po’ di retroscena.

Martino Carrieri e Giuseppe Cervellera, rispettivamente Puglia per Vendola e Sel hanno trovato posto tra i banchi dell’opposizione. Martino Carrieri, in particolare, ha come compagno di banco Michele Marraffa. Tra i banchi della maggioranza non c’era posto e, atteso che era inutile sciogliere il gruppo compatto del Partito Democratico, l’alternativa era far sedere Antonio Martucci vicino Marraffa e davanti a Muschio Schiavone, una scelta ottima per lo spettacolo ma poco lungimirante.

La seconda curiosità viene da uno dei cittadini che hanno assistito ai lavori del Consiglio Comunale di Martina Franca. Si è fatto vicino all’orecchio e ha chiesto se per caso la donna con la giacca bianca fosse Raffaella Spina, scambiando la candidata della lista Cambiamo Martina con Arianna Marseglia, avvocatessa eletta nel Partito Democratico: “Come, non è stata eletta, ha preso milletrecento voti!

La terza curiosità è più che altro una riflessione, fattaci notare da diversi esperti presenti nella Sala Consiliare. Gli applausi. Dopo alcuni interventi il pubblico applaudiva, come se fosse a teatro, come se fossimo in campagna elettorale, come se quello che vedevano fosse uno show e non invece il momento in cui la vita della città cambia o non cambia. Applausi. Applausi contagiosi, anche tra le file dei consiglieri, la maggior parte nuovi e non avvezzi agli usi della prassi politica.

Non si applaude.

E non tanto perchè non lo merita chi parla, ma perchè dobbiamo resistere alla tentazione di trasformare tutto in uno spettacolo, in uno show, in cui c’è chi recita e chi assiste. Quello a cui abbiamo assistito oggi, per chi non l’avesse capito, è il momento di massima democrazia che può esprimere il nostro regime.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?