Minosse: a Martina Franca il tasso di umidità supererà il 60%

/ Autore:

Uncategorized


di Filippo Aurisicchio
Le tanto auspicate gocce di pioggia su Martina Franca non ci sono state. D’altronde tutto era rimesso all’occasionalità di qualche temporale di calore, la cui difficoltà previsionale è stata ampiamente sviscerata nel precedente articolo. Ciò, però, non vuol dire che l’attività termoconvettiva sia mancata. Abbiamo avuto, ad esempio, nelle ultime 24-48 ore della cumulogenesi con lieve fenomenologia sul tarantino sud-orientale, nel Gargano, nell’entroterra foggiano ad anche in basso Salento dove gli accumuli millimetrici di pioggia sono stati lievemente maggiori. Qualche addensamento temporalesco venerdì pomeriggio c’è stato tra Santeramo in Colle e Cassano delle Murge ma ,in questo caso, qualche tuono e le gocce di pioggia si son potute contare, come si suol dire, sulle dita di una mano.
Fenomeni occasionali favoriti dal forte tasso di umidità relativa nell’aria (reale responsabile del nostro disagio) che a noi sono mancati. Questi probabilmente avrebbero costituito un breve quanto effimero sollievo che, al concludersi della veloce e violenta recipitazione, si sarebbe annullato tornando a lasciare posto al caldo opprimente che da oltre un mese ,oramai, ci accompagna. Il quadro generale è statico, almeno per noi del sud. Gli spifferi freschi che garantiranno un minimo di sollievo al nord, innescando attività temporalesca (non occasionale ma più organizzata), non verranno a farci visita. Nonostante un certo (solito quanto protervo) sensazionalismo giornalistico incline alla ricerca di attrattiva ad ogni costo, imponga eccessivi allarmismi (ad oggi, per fortuna, ingiustificati) nonchè di attenersi ai sempre nuovi e fantasiosi nomi dati alle ondate di calore,il risultato è lo stesso e non cambia. Se lungo le nostre aree costiere adriatiche si soffre di meno, il caldo afoso non da tregua lungo l’arco ionico e nel suo immediato entroterra dove l’aria ristagna, l’umidità è ancora maggiore e il caldo è reso quasi insopportabile.
 Il risultato non cambia, dicevo. L’anticiclone sub-tropicale ricopre naturale carattere di permanenza, in questo periodo, sui territori su cui, normalmente, esercita la sua signoria (Nord-Africa). Il problema è che la sua  posizione da qualche tempo risulta anomala e troppo protesa sul Mediterraneo. Un’anomalia non del tutto nuova per noi in estate. Ciò è dovuto anche al fatto che la solita grande saccatura nord-atlantica non schioda dalle sue posizioni. La posizione di questa saccatura depressionaria, che sarebbe la più titolata a “soccorrerci” in questo periodo difficile, non agevola ma penalizza noi del sud Italia in quanto, premendo e affondando a occidente stimola costantemente (aiutata in un primo momento da una “falla ciclonica” in quota prevista in prossimità delle Azzorre) l’elevazione dell’anticiclone sub-tropicale sulle nostre lande, concorrendo a determinarne l’anomala posizione e i susseguenti severi effetti su di noi.
Tutto ciò per dire che, al netto di qualche occasionale quanto possibile temporale di calore, le attuali condizioni per noi non cambiano. Si intravedono possibili cambiamenti sul medio-lungo termine ma il lungo lasso temporale impone la necessità di ripetute conferme nei prossimi giorni. E’ meglio non darci, per ora, troppo credito ma dare a questa proiezione modellistica di lungo termine il giusto peso, ovvero quello di “possibile evoluzione”.

A Martina Franca questa terza ondata di calore sarà un pò più severa delle precendenti.

Il caldo in aumento si farà sentire da inizio settimana. Le temperature saliranno sia nei valori minimi che nei valori massimi. Le temperature notturne potranno attestarsi su valori intorno ai 23-25 gradi, le massime potranno superare occasionalmente i 36 gradi. La possibilità di locali annuvolamenti ad evoluzione diurna non è esclusa. Il tasso di umidità sarà sempre alto e talora superiore al 60%. Per cui molta attenzione. I venti, in settimana, saranno nel complesso deboli  prevalentemente settentrionali o al più di direzione variabile. Come sempre, occhio al tasso d’umidità e alle ore centrali del giorno!

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?