E allora balla di Camillo Pace su iTunes

/ Autore:

Cultura


Qualche settimana fa, tra i primi a farlo, intervistammo Camillo Pace (qui potete leggere l’intervista).  Il video di “E allora balla“, uscito pochi giorni prima dell’intervista, era già un gran successo, circa 6 mila visualizzazioni in 6 soli giorni.

Da venerdì 27 luglio, “E allora balla” sarà finalmente disponibile su iTunes per l’etichetta discografica “Isola degli Artisti“.

Figura rara sulla scena italiana, il giovane contrabbassista, vocalist e compositore, già noto alle scene jazzistiche italiane e internazionali (ultima la sua partecipazione a Umbria Jazz 2012), è un vulcano in eruzione, che con questo ultimo singolo, ha deciso di omaggiare un’altra sua passione: la musica pop folk.

E allora balla è un colorato affresco dell’artista, frutto di incontri e sogni celati, che  racconta quell’incessante e gioiosa voglia di vivere, di viaggiare ed andare oltre che abita il nostro più intimo desiderio. Il sound, reso unico dal contrabbasso di Camillo, è fresco e incalzante, frutto di una fortunata commistione di suoni ritmati e ripetuti che invogliano a ballare.

Alla realizzazione di E allora balla hanno partecipato oltre a Camillo Pace (Voce e Contrabbasso), Enzo Iaia (Chitarra e Dobro), Vince Abbracciante (Fisarmonica), Guido Vincenti (Batteria) e Lello Patruno (Percussioni).

Ad anticipare il lancio del singolo, un video allegro e solare, che in sole 2 settimane dalla sua pubblicazione ha superato le 10.000 visualizzazioni su Youtube: girato interamente nella caratteristica Valle d’Itria il lavoro racconta, in un vertiginoso susseguirsi di colorati fotogrammi, un mondo che parla dritto al cuore della gente e che omaggia la bellezza della Puglia.

E allora balla segna un passo decisivo nella carriera di questo straordinario artista di nome Camillo Pace. In attesa di un album, che uscirà entro la fine del 2012 e che già sappiamo rappresenterà una finestra sull’umanità e sulle sue infinite sfaccettature.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?