Lavoratori pubblici: meno staffisti e più trasparenza

La Sala Consiliare del Comune di Martina Franca era piena di lavoratori pubblici. La maggior parte del Comune, pochi dall’Ospedale. L’argomento però dovrebbe interessare tutti, non solo i dipendenti ma anche i cittadini che, con i tagli previsti, andrebbero a perdere molto in qualità dei servizi.

Se qualità c’è. Infatti il paradigma dominante riguardante i lavoratori pubblici non è tanto la quantità, ma la qualità che possono offrire. Brunetta ne ha fatto tema da campagna elettorale e da molti, anche da tantissimi dipendenti, la sua riforma è rimasta mitica, nonostante nessuno sappia precisamente di cosa si tratti.

Riconquistare la dignità ma anche l’identità dei lavoratori e lo si fa riconquistando il proprio ruolo all’interno della società. Una direzione generale, verso cui i sindacalisti presenti, Diego Murri della Cisl, Filomena Principale e Elisa Lattanzi della Cgil e Franco Brunetti della Cisl.

Il punto centrale sono i tagli, che i dipendenti del Comune di Martina Franca hanno già pagato, dice Murri, della Cisl, nel suo intervento. Si riferisce alla sentenza con la quale i dipendenti pubblici martinesi dovranno ridare i soldi in più presi illegittimamente. E poi c’è la questione dei dirigenti: “Sono troppi” afferma Murri “in alcuni comuni ce ne sono uno ogni cinque dipendenti“. E poi sono i responsabili della mancanza di trasparenza nella Pubblica Amministrazione. Bisogna puntare più sui quadri, formarli, renderli consapevoli.

I tagli spaventano, un dipendente si sfoga dicendo che ormai è tardi e che bisognava andare a Roma prima che si decidesse. Dice che serve un esame di coscienza, perchè la situazione attuale dipende da tutti quanti. Lui è di centrodestra, ha sempre votato Berlusconi, dice qualcosa che è verità assoluta: “Se queste riforme le avesse fatte Berlusconi sarebbe scoppiato il casino in Italia, invece ora, con questo governo di banchieri, nessuno fa nulla“.

Come fare a non essere d’accordo?

Ma i dipendenti pubblici, in particolare quelli comunali, sono spesso vittime della politica, che sceglie i dirigenti e che nomina staffisti anche quando non ce ne sarebbe bisogno, mettendo da parte la professionalità e le competenze dei funzionari. “Ogni staffista è una spesa” dice Diego Murri, “e molto spesso non servono nemmeno, ma sono assunti per altri motivi“.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Una risposta a “Lavoratori pubblici: meno staffisti e più trasparenza”

  1. Avatar Vito Pastore
    Vito Pastore

    sono daccordo con Diego Murri ogni staffilata e’ una “spesa” se ne può fare a meno. Cinque staffilsti, poi, possono costare più 150.000 euro l’anno a carico dei cittadini Martinesi, specie se vengono chiamati dirigenti di categoria D. Meglio non prendere ad esempio le passate amministrazioni, anche se dimezzare gli stadffisti da 10 a 5 non significa risparmiare. In ogni caso trattasi di “nominati” e non chiamati da un elenco pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.