Il Festival segreto

/ Autore:

Cultura


Il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca rappresenta un appuntamento importantissimo per i melomani mondiali. Il primo biglietto in assoluto, ogni anno, viene venduto ad un appassionato americano che non si perde un’edizione. Eppure a Martina Franca l’entusiasmo nei confronti del Festival non tracima i confini di una certa cerchia sociale, per la quale partecipare alla prima è segno di status. Se a questo poi aggiungiamo che non si è mai fatto nulla per creare un vero indotto (economico, culturale…) che abbia il Festival della Valle d’Itria come volano, si raggiunge la conclusione che ogni anno si rischia di assistere a messe in scena estemporanee, che nascono a luglio e muoiono ad agosto.

Ovviamente c’è chi potrà obiettare, c’è chi lavora ogni giorno per tutto l’anno perchè si possa alzare il sipario la sera della prima. Ogni giorno a mandare mail, a scegliere le bozze delle locandine, a contattare, a mettersi d’accordo.

Poi arriva l’estate, e arrivano le prove, il via vai degli scenografi, il centro storico di Martina Franca in cui riecheggiano le musiche delle opere. Ballerini, cantanti, musicisti invadono la città e per un po’ di tempo si siedono affianco ai martinesi ai tavolini dei bar. Ma nonostante siano così vicini a noi ne sappiamo davvero poco (ok, magari questo vale solo per chi scrive…).

Quest’anno c’è la possibilità di conoscere i retroscena e i protagonisti grazie ad un blog nato dall’esperienza di un laboratorio della Fondazione Paolo Grassi condotto da Marilena Lafornara rivolto ai ragazzi, affinchè potessero avvicinarsi al Festival. Il risultato è un pregevolissimo lavoro in cui è possibile trovare foto e racconti di un Festival della Valle d’Itria segreto, fatto di persone, di facce buffe, di sudore, di tutto quello che grazie al trucco e alle luci non possibile vedere in scena.

Il link al blog è questo qui: http://festivaldellavalleditria2012.blogspot.it/

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?