Truly Trullo, scambi giovanili e Mondiali Antirazzisti in Valle d'Itria

/ Autore:

Società


Truly trullo” è un progetto europeo finanziato dal programma europeo “Youth in Action”, si tratta di un programma di scambio giovanile che sta avendo luogo, presso l’Istituto dei Salesiani a Cisternino, dal 25 agosto scorso, terminerà il 4 settembre con i Mondiali Antirazzisti.

Si sta cercando di diffondere in Valle d’Itria l’esperienza di un progetto nato a Bologna. “Truly trullo” è un progetto più ampio, ma avremo modo di approfondire questo argomento direttamente con i responsabili dell’associazione.

Ma cosa vuol dire “scambio giovanile”?

E’ un’esperienza residenziale della durata media di una settimana in cui si riuniscono gruppi di giovani di due o più Paesi, con l’obiettivo di discutere e confrontarsi su vari temi (ambiente, intercultura, arte, musica, cinema, questioni di genere, politiche giovanili, ..) e allo stesso tempo di acquisire conoscenza su altri Paesi e culture. Il progetto è realizzato da un partenariato internazionale composto da minimo due associazioni. I possibili partecipanti hanno un’età compresa fra i 13 e i 30 anni, benchè ogni progetto abbia caratteristiche specifiche in merito al target group, tematiche, obiettivi, Paesi partecipanti,ecc.. Tra le linee guida degli scambi giovanili europei, c’è la promozione del dialogo interculturale, la partecipazione attiva dei giovani e la cittadinanza europea. La partecipazione è totalmente coperta dal finanziamento elargito dal programma “youth in action” (viaggio, vitto, alloggio e attività)“.

A Cisternino i protagonisti di tale esperienza sono 31 giovani tra i 18 e i 30 anni, provenienti da Italia, Lettonia, Croazia, Romania, Spagna, grazie al coinvolgimento del partenariato internazionale formato dall’associazione culturale spagnola “Opendoors”, il centro linguistico-culturale lettone “World at your home”, l’associazione rumena di promozione sociale “Do Great Things”, e l’associazione croata di recupero dalle dipendenze “Help”.

Promotrice e responsabile del progetto in particolare, è l’associazione Younet (www.you-net.eu), che da anni si occupa di progetti europei interculturali di mobilità internazionale in Italia e all’estero. Nello specifico gli obiettivi generali di “Truly trullo” sono: la promozione dello sport per l’inclusione sociale dei migranti, la lotta ai pregiudizi e ad ogni forma di discriminazione, soprattutto culturale.

Presentato quasi un anno fa al vaglio dell’Unione Europea, periodo in cui, soprattutto in Puglia, si viveva l’emergenza umanitaria delle migrazioni: tra il sollievo di essere arrivati vivi in Italia e il bisogno di restare umani, i migranti spesso (erano e) sono costretti a disumane condizioni di vita, in cui difficili talvolta sono anche le relazioni con le popolazioni locali.

Per questo si è scelto lo sport come collante, il modo più naturale per educare le nuove generazioni al dialogo e all’accoglienza dell’altro. Intrinseci allo sport sono volari come la capacità di vivere in gruppo, di confrontarsi con le abilità/possibilità proprie e di altri, di capire il rapporto causa-effetto nelle azioni e di prendere decisioni. Tutto seguendo le regole ma pensando liberamente.

Si gioca per qualcosa, non contro qualcuno.

In linea con quanto stabilito dal programma YIA, le attività saranno quindi esclusivamente di apprendimento informali e non formali: incontri esperienziali con i rifugiati e migranti, workshops tematici, giochi di ruolo e serate interculturali (ogni sera dedicata ad un Paese, con cibi,danze e musiche nazionali)“.

Il momento conclusivo saranno i Mondiali Antirazzisti che si svolgeranno nel pomeriggio del 2 settembre: migranti e non si alterneranno in tornei di basket, calcio, maratona, con l’obiettivo di combattere ogni forma di discriminazione, sensibilizzando anche la comunità locale sull’importanza dell’integrazione attiva dei migranti.

La mattina del 2 settembre inoltre, nella Villa Comunale di Cisternino sarà predisposto un punto informativo sulle possibilità di mobilità internazionale giovanile gratuita, occasione anche per informare la cittadinanza del progetto, invitandola a partecipare ai Mondiali.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?