Furti in casa. I carabinieri arrestano il palo di una banda di baresi

/ Autore:

Cronaca



Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dei Carabinieri:

Continua senza sosta il silenzioso lavoro degli uomini dell’Arma per contrastare il fenomeno dei furti ed i risultati cominciano a dare i frutti sperati, anche grazie alla collaborazione dei  cittadini, che stanno segnalando autovetture e persone sospette aggirarsi per la capitale della Valle d’Itria.

Già da alcuni giorni i Carabinieri della Compagnia di Martina Franca avevano raccolto delle segnalazioni che indicavano per le vie della città una non meglio identificata Alfa 156 di colore scuro. I servizi preventivi sul territorio non avevano dato alcun riscontro fino alla mattina di ieri, quando i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Martina Franca, in servizio di pattuglia per le vie della città, raccoglieva un’ulteriore  segnalazione riconducibile  alla medesima autovettura che si aggirava per le vie cittadine con fare sospetto.

Nella zona segnalata i militari notavano due autovetture danneggiate, verosimilmente pronte per essere asportate e constatavano la presenza sul posto di una Lancia Lybra che, alla vista della pattuglia, tentava di allontanarsi velocemente.

Tale particolare non sfuggiva agli operanti che immediatamente bloccavano il veicolo e procedevano al controllo. L’uomo alla guida, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di arnesi da scasso utilizzati per forzare le serrature delle portiere delle auto.

Condotto presso la caserma della Stazione di Martina Franca, Frisari Giuliano, barese 36/enne, nullafacente con precedenti specifici, risultato poi essere “il palo” della banda di malviventi, veniva tratto in arresto con l’accusa di tentato furto aggravato di autovetture e furto aggravato di carta di circolazione e chiavi dell’appartamento del proprietario di un mezzo e possesso ingiustificato di arnesi da scasso. Al termine degli atti di rito, l’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Taranto a disposizione della dott.ssa Filomena Di Tursi, sostituto procuratore di turno.


commenti

E tu cosa ne pensi?