Ostuni: continuano le indagini sulla morte della giovane commerciate

/ Autore:

Cronaca


Due giorni di continue ricerche tanti i luoghi visitati tranne quel luogo di aperta compagna in contrada Polinisso ad Ostuni. Valeria Corna, 37 anni, è stata ritrovata li vicino alla sua auto, una Suzuki di colore grigio. Accanto al suo corpo la calibro 38 special (acquistata dalla vittima titolare di regolare porto d’armi il giorno della scomparsa). Secondo gli inquirenti la calibro 30 sarebbe stata utilizzata con estrema cura dalla vittima per togliersi la vita.

La perizia sul corpo della giovane donna potrà risolvere alcuni punti neri del caso. Dai primi rilievi, il foro di entrata del proiettile sarebbe stato esploso dal basso verso l’alto, quindi secondo gli inquirenti la donna per uccidersi avrebbe portato il braccio verso la spalla ed appoggiando la canna, avrebbe premuto il grilletto.

La giovane donna aveva fatto perdere le sue tracce venerdì scorso, i genitori si erano recati in commissariato ad Ostuni per sporgere denuncia. All’inizio però le ricerche da parte degli agenti della locale sezione non avevano portato a nessuna novità, così il comandate della squadra mobile di Brindisi ha richiesto l’intervento del nucleo scientifico di Roma, per localizzare il cellulare della donna e l’ultima cella alla quale quest’ultimo si era collegato.

Le indagini proseguono, anche le varie supposizioni sulla morte della commerciante ostunese, l’autopsia sul corpo sarà sicuramente disposta per domani mattina dal pm di turno Pierpaolo Montinaro.

Al momento infatti la salma è a disposizione della magistratura, sotto sequestro anche l’auto. Nel corso della giornata inoltre gli uomini del commissariato di Ostuni, hanno ascoltato tutte le persone vicine alla vittima.

Si attendono anche i risultati della prova Stub che sarà in grado di confermare l’ipotesi degli inquirenti (la vittima avrebbe fatto esplodere da sola il colpo mortale).

Dopo questo gesto i genitori, i parenti ed i tanti amici, attendono una risposta a questo giallo. Solo gli accertamenti legali disposti potranno fornire senza dubbio una prima spiegazione a tutti i dubbi.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?