Valeria Corna: l'autopsia conferma il suicidio

/ Autore:

Cronaca


Un colpo dritto al cuore. I risultati dell’autopsia, effettuata questa sera nella sala autoptica del cimitero su disposizione del pm, Pierpaolo Montinaro, parlano chiaro e fugano ogni dubbio sulle cause della morte di Valeria Corna, la 37enne ostunese ritrovata senza vita nella mattinata di domenica nelle campagne di contrada Polinisso dagli agenti del Commissariato dopo che della donna si erano perse le tracce dalla serata di venerdì. Non un colpo sparato all’altezza della schiena, quindi, come si era erroneamente pensato (ipotesi questa che aveva inevitabilmente generato dubbi sulla dinamica della morte) ma in pieno petto. Dunque, a tutti gli effetti, si tratterebbe di un gesto estremo. Un suicidio.

Pianificato nei giorni immediatamente precedenti la scomparsa. Valeria che compra una pistola, una calibro 38 special con una confezione da 50 cartucce, si reca tra gli uliveti di contrada Polinisso, zona a lei familiare dove i genitori posseggono un fondo. Prova prima l’arma (e questo giustificherebbe il ritrovamento dei 10 bossoli espulsi dalla stessa 38 sul terreno) e poi fa fuoco contro se stessa. Una tragedia dettata forse dal malessere che da qualche tempo sembrava aver minato la sua esistenza. Una forma depressiva. Un male oscuro che, con ogni probabilità, ha avuto il sopravvento sulla sua gioia di vivere, sulla sua bellezza solare, sui suoi affetti, primo fra tutti il suo bimbo di cinque anni, avuto dalla relazione con il marito dal quale era separata. Una brutta storia, che si chiude qui. I funerali di Valeria Corna si celebreranno venerdì, alle 15, nella chiesa dei Santi Medici.

Hai degli oggetti che non utilizzi più e magari vorresti venderli? Cerchi lavoro, o vuoi acquistare qualcosa? Puoi fare tutto questo con un solo sito, prova Bakeca Italia

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?