Ostuni: Arresto per furti negli appartamenti

/ Autore:

Cronaca



Nel corso della consueta attività condotta dal Commissariato di P.S. di Ostuni in relazione alla prevenzione e repressione dei furti in appartamento,  erano state acquisite  informazioni  per effetto delle quali si era desunto che gli autori di alcuni eventi delittuosi del tipo anzidetto fossero dei minori (non punibili a causa della loro età), i quali operavano grazie alla fattiva organizzazione e collaborazione assicurata da maggiorenni; costoro, infatti, accompagnavano i minori nei pressi di appartamenti situati in zone residenziali (anche centrali)ed, estemporaneamente, individuavano l’unità immobiliare da svaligiare. Nella fattispecie, dall’attività informativa preliminare, era emerso che si trattava di nomadi appositamente giunti dalla zona di Bari.

Le indagini ed i numerosissimi servizi di appostamento  sono stati suscettibili di una svolta nella tarda mattina  di ieri, allorchè personale di quest’Ufficio, in servizio di Squadra Volante,  in questa Via Giovanni XXIII  ha intercettato  un’autovettura con a bordo tre persone, che, per una serie di ragioni, aveva indotto i poliziotti a concentrare su di loro le attenzioni. Peraltro, l’atteggiamento del conducente aveva subito insospettito gli agenti operanti.

Trattavasi di una Fiat Punto color  nero,  condotta guada caso da una donna  poi identificata per la straniera JOVANOVIC Fatima, di anni 29 (con numerosissimi precedenti specifici in materia di furti in appartamento, consumati in varie Città d’Italia),  con al seguito due minori: J.B. di anni 13  e  J.M. di anni 12. Nella circostanza, i predetti  non sono sati fermati ma accuratamente osservati a distanza. Poco dopo, infatti, i poliziotti hanno notato che la donna, arrestata la marcia era rimasta a bordo della vettura  allorchè  due minori discesi, si erano inoltrati in un portone condominiale, restandovi per alcuni minuti. Nel momento in cui i due minori sono tornati in strada e, in tutta fretta, si accingevano a risalire a bordo della Fiat Punto, sono stati immediatamente bloccati, al pari della donna-accompagnatrice.

Mentre venivano bloccati, i de minori  si sono disfatti di alcuni documenti (codice fiscale, carta d’identità   e patente, ed altro) intestati ad una persona residente in quello stesso immobile.

Quest’ultimo, immediatamente rintracciato ed interpellato, ha riferito di essere appena uscito di caso e d non essersi ancora accorto del patito furto. Ha sporto regolare denuncia.

A bordo della Fiat Punto anzidetta, sono stati rinvenuti numerosi attrezzi atti allo scasso, particolarmente efficienti, ivi comprese alcune schede in plastica rigida (del tipo utilizzato bel settore radiologico) particolarmente efficaci nell’apertura di serrature “a scivolo”.

Anche i minori, sono sati trovati in possesso di schede del medesimo tipo e di un vero e proprio kit personale composto da: grossi giraviti, chiavi inglesi, forbici da elettricista, leve ed altri utensili da scasso.

Trattandosi di minori privi di documenti, sentito il P.M. presso il Tribunale per i Minorenni di Lecce, dott. Imerio TRAMIS, si è proceduto all’esame radiografico determinativo dell’età ossea dei predetti, risultati avere l’età anzidetta.

Avvertito anche il Sost. Proc. della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, dott. Raffaele CASTO.

La donna è stata denunciata in stato di libertà (concorso in furto, istigazione a delinquere aggravata, ricettazione di documenti, possesso ingiustificato di grimaldelli, uso di atto falso e guida senza patente) essendo madre di figli minori ed in stato di gravidanza.

La vettura è stata sequestrata perché risultata priva di copertura assicurativa e con il relativo tagliando abilmente falsificato. Avvertita a compagnia assicurativa frodata, che si è riservata di sporgere denuncia-querela in questo Commissariato.

Comunicato Commissariato PS Ostuni

News La Feltrinelli: TRASPORTO GRATIS su film in dvd, blu-ray, console, giochi, ebook, gadget


commenti

E tu cosa ne pensi?