Itn: arriva dalla Regione una possibile soluzione

/ Autore:

Economia


Arriva dalla Regione Puglia una possibile soluzione per la vertenza più importante di Martina Franca. I lavoratori ex Nardelli, che da ormai un anno sono senza lavoro, probabilmente avranno la cassa integrazione in deroga che gli garantirà un Natale felice. Non è poco, considerando la difficoltà di una vertenza che, sebbene abbia riscontrato il favore del territorio, ha dovuto di molto alzare i toni per attirare l’attenzione e soprattutto ha avuto l’accortezza di coinvolgere il sindaco in tempi non sospetti.

Ma, nonostante l’impegno profuso, e l’intervento diretto del Sindaco, la prima porta a cui gli operai hanno bussato, il Ministero del Lavoro, è rimasta chiusa saldamente, a nulla sono valse le manifestazioni. La Regione Puglia invece, che ha trattato la vicenda tramite la Task Force creata per mettere un freno alla crisi, ha accolto positivamente la richiesta della cassa in deroga per i 131 operai “ma solo per l’idea“, dice l’avvocato Giuseppe Recchia, intervenuto ieri sera durante l’assemblea organizzata al Museo delle Pianelle dalla Filctem Cgil guidata da Giuseppe Massafra. L’idea è stata dirimente sulla scelta, molto probabile, di destinazione dei soldi.

In un momento di crisi fortissima è come se ci fosse una selezione in base anche alle prospettive. L’idea di autoimpiegarsi attraverso la cooperativa, o le cooperative, sembra essere piaciuta particolarmente alla Regione che, tramite il la Filctem Cgil, ha seguito la vertenza di Martina Franca. L’idea è stata premiata, o meglio, è all’idea, al progetto che è stato concesso del tempo. La cassa integrazione, infatti, non vorrebbe essere vista come un modo per allungare il brodo, ma un modo per dare ossigeno alla combustione per la creazione della cooperativa a cui, per inciso, guardano non solo i lavoratori dell’Itn. Una soluzione innovativa, quindi, che finora non si era mai tentata, che affronta il problema aggirandolo, prendendo in mano la situazione. Ma il problema rimane: Nardelli ha dismesso la produzione.

Durante l’assemblea di ieri Giuseppe Massafra, segretario generale provinciale, ha tenuto col fiato sospeso le decine di lavoratori che affollavano la sala, prima di comunicare il giudizio positivo della Regione in merito alla cassa che permetterà a 131 di passare un Natale più sereno.


 

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?