Cassa integrazione. Operai di Martina Franca e Ginosa irrompono alle sede Inps

/ Autore:

Economia, Società



itn miroglio inps 21 01 2012Senza cassa integrazione da agosto, quasi sei mesi, mezzo anno senza reddito, senza ammortizzatori sociali, vittime di una crisi provocata da miopie imprenditoriali e sostenuta dai mercati finanziari. Un centinaio di operai ha fatto “irruzione” ieri alla sede Inps di Taranto per chiedere un incontro, al fine di avere una spiegazione per il mancato pagamento degli ammortizzatori sociali. Per i lavoratori ITN questo non accade da agosto, nonostante gli accordi fatti.

Gli operai da Martina Franca e da Ginosa sono stati ricevuti in delegazione e hanno ottenuto come risposta il fatto che se l’INPS non paga è a causa di disposizioni da Bari. Giuseppe Massafra, segretario provinciale della Filctem Cgil, sostiene in un’intervista fatta a ridosso dell’incontro, che il buco dell’INPS è di circa 200 milioni di euro, di soldi che dovrebbe avere dalla Regione Puglia. Eppure questo non giustifica, secondo il segretario Cgil, la scelta di far pesare sulle spalle dei lavoratori che sono da sei mesi senza stipendio e senza sostegno al reddito, le esigenze di rendicontazione degli Enti.

(In alto il video realizzato subito dopo l’iniziativa)


commenti

E tu cosa ne pensi?