Parcheggi. Convergenza al centro

/ Autore:

Società


strisce-blu-MARTINA FRANCA – Sembra che per i martinesi non ci sia altro parcheggio che quello al centro, o meglio, che il Centro storico attragga più auto del resto della città. Una dinamica strana, che paralizza il traffico intasando le vie di comunicazione principali.

Ce lo dicono i dati forniti dalla cooperativa Labor Et Securitas, che gestisce i parcheggi a pagamento a Martina Franca. Se i dati sono veritieri, significa che i martinesi preferiscono girare 20 minuti pur di trovare posto al centro e non impiegare quei due minuti di passeggiata in più usufruendo di Piazza Crispi, oppure, gratis, di Piazza d’Angiò.

I dati di seguito fanno riferimento al periodo tra il primo ottobre e il 31 dicembre 2012 e fanno riferimento alla “percentuale di utilizzo degli stalli”:

  • Via Bellini: 85%
  • Piazza San Francesco da Paola: 50%
  • Via Gabriele D’Annunzio: 90%
  • Piazza Umberto: 80%
  • Piazza Crispi: 30%
  • Corso Messapia: 80%

 


commenti

2 Commenti

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • maria palmisano ha detto:

    Ma, dai, non sa la gente che possa parcheggiare, tranquilmente, sempre,
    senza rischia di multe, a Martinafranca, per essempio, sulle strische pedonale, ovvunque,
    e.g. davanti al ufficio postale, a testa di via D’annunzio o, meglio, dove parcheggiano gli impiegati comunali o del centro per impiego, al angolo via V.Bellini con via G. Aprile ?
    Poi, la stradone e’ diventato un parcheggio conveniente per gli amici, ma forse serve una
    cartella, anche falsa, di disabilita’, se non ha la faccia di farlo senza ? Dai ! Chi se ne frega dei disabili, bambini, anziani o cecchi ? Perche escono ? Non possono stare comodi e sicuri a casa? Ingrati stupidi !

  • maria palmisano ha detto:

    Ma, dai, non sa la gente che possa parcheggiare, tranquilmente, sempre,
    senza rischia di multe, a Martinafranca, per essempio, sulle strische pedonale, ovvunque,
    e.g. davanti al ufficio postale, a testa di via D’annunzio o, meglio, dove parcheggiano gli impiegati comunali o del centro per impiego, al angolo via V.Bellini con via G. Aprile ?
    Poi, la stradone e’ diventato un parcheggio conveniente per gli amici, ma forse serve una
    cartella, anche falsa, di disabilita’, se non ha la faccia di farlo senza ? Dai ! Chi se ne frega dei disabili, bambini, anziani o cecchi ? Perche escono ? Non possono stare comodi e sicuri a casa? Ingrati stupidi !