Calcio Campionato di Promozione: Ostuni – S. Cesareo 3 – 1

E’ iniziata con 39’ di ritardo la gara a seguito di una baruffa tra giocatori e dirigenti delle due squadre con Bolognese e il presidente dell’Ostuni che ricorrevano alle cure del pronto soccorso mentre l’arbitro che si recava negli spogliatoi per il riconoscimento, espelleva l’allenatore Greco e il giocatore ospite, Scuglia.

L’arbitro, Lopriore di Foggia che stava andando negli spogliatoi, ha visto lo spintone del giocatore Scuglia  e qualche azione dell’allenatore ospite, Greco e, dopo averli identificati, li ha espulsi .

Il giocatore ospite Bolognese, è salito con le sue gambe sull’ambulanza del 118 e si è fatto refertare al pronto soccorso dell’Ospedale così come ha fatto il presidente dell’Ostuni, avv. Luca Marzio.

Le squadre sono entrate in campo dopo 39’ rispetto all’inizio previsto della partita e, con la correttezza dei 22 giocatori, si è iniziato a giocare e, dopo 30”, la punizione di Ingrosso ha subito impegnato il portiere Orlandino.

Al 6° il tiro di Candita ha visto Mummolo, in volo, respingere il tiro e lo stesso si è ripetuto, al 10°, su tiro di Camassa. Al 34°, su attacco di Candita e Ciaramitaro, la palla è giunta sulla destra dell’area ospite dove Masi, smarcato, ha controllato la palla è ha calciato un forte diagonale che si è insaccato tra palo e portiere.

I salentini accusano il colpo e, al 40° De Giorgio si trovava a tu per tu col portiere ma non controllava la sfera e il tiro terminava alto sulla traversa.

Nella ripresa, al 9°, dopo ilo tiro centrale e senza pretese di D’Amblè, al 12 la punizione di Ingrosso vedeva Orlandino regingere con i pugni in tuffo mentre al 16° Mummolo respingeva anche lui con i pugni, in tuffo sulla linea il tiro ravvicinato di Adeshokan.

Al 18°, su scatto di Pistoia in area, Ingrosso lo atterrava e l’arbitro decretava il penalty che Candita trasformava mandando il portiere dal lato opposto al tiro.

Al 24° il portiere di casa in tuffo deviava il tiro di Luperto e al 28°, Mummolo in tuffo, toglieva la palla dalla testa di Candita mentre al 29° Scarongella, libero, davanti al portiere, tirava alto.

Al 34° il San Cesareo accorciava con Mortari che calciava una forte punizione da 30 metri e la palla, dopo aver colpito la traversa, cadendo colpiva la spalla del portiere di casa e terminava in rete facendo terminare, dopo 779 minuti, l’imbattibilità della porta ostunese.

Diversi i salvataggi dell’estremo ospite  e al 43°, su veloce contropiede Miccoli, in area, apriva per l’accorrente Candita che insaccava sull’uscita del portiere il quale sullo scadere del tempo si esibiva in altri due provvidenziali salvataggi su Adeshokan e Candita.

 

OSTUNI: Orlandino, Pistoia, Ciaramitaro, Pace (66, Scasrongella), Camassa, Convertino, Diop (76, Cogliandro), Masi, De Giorgio (86, Miccoli), Candita,  Adeshokan. Allenatore: Mazzeo.

A disposizione: Fiorentino, Sardo, Francioso, Maraschio.

SAN CESAREO:  Mummolo, Tondo (70, Taurino),  Ingrosso, Mariano, Ciccarese, Luperto, Mortari, Pizzileo, Carati, Lezzi (66, Stampete), D’Amblè.

Allenatore:Greco (espulso).

A disposizione: Di Giacomo, De Masi , Cottin.

Arbitro: Lopriore di Foggia.

Reti: 34°, Masi; 63 (R ) e 88, Candita; 79, Mortari.

Espulso: prima del riconoscimento delle squadre, il giocatore Scuglia e l’allenatore, Greco.

Emilio Guagliani

 

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.