Poche emozioni sotto i riflettori del "Tursi"

/ Autore:

Calcio, Sport


Foto: Francesco Turnone

Foto: Francesco Turnone

Non va oltre il pareggio il Martina che, nel posticipo della 26esima giornata ritrova il pubblico delle grandi occasioni. Non basta l’incitamento per novanta e più minuti arrivato dagli spalti per avere la meglio de L’Aquila, dimostratasi squadra di categoria anche superiore che ha prodotto gioco nel primo tempo, prima di rintanarsi nella propria metà campo nella ripresa e lasciare il pallino del gioco ai biancazzurri. Sfumato sotto i riflettori anche il premio di 15mila Euro messo in palio dalla società per le due vittorie consecutive.

Di più, però, la squadra di Bitetto, in vera emergenza, non poteva fare. Il pomeriggio ha fatto registrare un avvio di gara compassato, con le due squadre che si studiano a vicenda senza affondare il colpo. La partita si accende al minuto otto, con il Martina che prova a sfondare sugli sviluppi di un corner di Marsili che trova in area Gambino e Petrilli a cui non riesce il tocco in porta.

Al quarto d’ora il calcio di punizione diretto in porta di Ciotola, con la palla che finisce tra le braccia di Perina. Infantino, francobollato da Fiorentino, resta l’elemento più pericoloso, ma non trova il guizzo giusto, pur potendo sfruttare una maggiore velocità rispetto al suo diretto avversario.

Nel complesso gioca di più e meglio L’Aquila, con maggiore intensità, ma nessuna delle due squadre riesce realmente a farsi pericolosa. Alla mezzora si fa notare Infantino, che colpisce di testa in area, ma la sfera non crea problemi all’estremo difensore di casa che la accompagna sul fondo. Al 34′ Agnello fa la barba al palo direttamente da calcio di punizione. Martina contratto e bloccato dalla linea difensiva abruzzese, che resta sempre molto alta e mette gli avanti biancazzurri frequentemente in fuorigioco.

Nessun cambio alla ripresa dopo la sosta. Bitetto rimanda i sui in campo invertendo gli esterni: Petrilli va a destra e Ancora a sinistra. Cosa che vale per sette minuti, sino a quando al salentino subentra Provenzano. Aumenta i ritmi il Martina e il gioco si sposta prevalentemente nella metà campo de L’Aquila. Il maggiore possesso palla non porta altri benefici ai padroni di casa, chiusi da Pomante e compagni.

Al 18′, nel momento migliore dei biancazzurri, verticalizzazione di Menicozzo per Infantino che spara alto sopra la traversa da buona posizione. L’azione resta isolata in quanto gli ospiti sembrano accontentarsi del pareggio nel secondo tempo. Al 40′ ancora il numero nove abruzzese chiama alla prima parata della serata Perina che, di piede, devia in calcio d’angolo. La risposta del Martina un paio di minuti dopo in contropiede con Petrilli che colpisce il palo a portiere battuto.

L’ultima occasione sotto i riflettori del “Tursi” al 43′ è di De Lucia da fuori area, che chiama Testa alla deviazione sopra la traversa. Finisce zero a zero, quasi un risultato annunciato visto quanto fatto dalle due squadre in campo per i novanta e più minuti. Un punto che consente ai biancazzurri di muovere la classifica e di restare agganciati al Teramo. Ma che porta anche a tenere fisso un occhio dietro, dove altre squadre non mollano la presa su un possibile piazzamento play-off.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?