Settimana Santa. Manca Martina Franca

/ Autore:

Cultura, Economia


Addolorata-4Non è proprio una notizia, uno di quei fatti che cambiano il corso della storia, ma è una cosa di cui riteniamo sia importante parlare. La Regione Puglia tramite Puglia Promozione, l’Agenzia regionale per il turismo, e l’associazione culturale Opera di Molfetta, ha messo in piedi un progetto per la comunicazione dei riti della Settimana Santa in Puglia (questo è il sito). Secondo i dati di una ricerca dell’Osservatorio sul Turismo della Regione Puglia, la nostra regione è al primo posto, rispetto a quelle meridionali, per il turismo religioso (ovviamente la parte del leone la fa San Giovanni Rotondo). Ma questo significa che in un certo modo la Puglia attrae fedeli, immaginiamo cattolici e quindi i riti tradizionali della Settimana Santa diventano attrazione turistica.

Basti pensare a Taranto, alla processione dei Misteri, famosa nel mondo. Ma non c’è solo Taranto. Sul sito della Settimana Santa in Puglia c’è un elenco di paesi con le loro iniziative, ma manca Martina Franca, nonostante i riti della Settimana Santa locale siano molto sentiti e caratteristici. Chi non ha fatto mai il giro dei “sepolcri”, o non ha visto il venerdì santo i “Misteri”? E la processione dell’Addolorata?

Abbiamo chiesto all’associazione Opera come mai mancasse Martina Franca. Magari era una scelta loro e quindi avremmo scatenato il putiferio. Ci hanno risposto che di solito vengono contattati dai comuni. Martina Franca non l’ha fatto.

Rilanciare il turismo a Martina Franca, qualora davvero si volesse investire in questa direzione, non significa solo, secondo chi scrive, parlare di polpette e capocolli, ma bisogna riconnettersi con la storia. E’ una questione culturale: bisogna possedere gli strumenti culturali adatti per comprendere e valorizzare. La tradizione insieme alle nuove tecnologie di comunicazione: non basta avere un’app turistisca, o un sito figo, servono soprattutto contenuti, servono professionalità capaci di identificare e evidenziare quello che di buono offre il territorio.

Basta con i piagnistei, ora, chiudiamo con una notizia positiva: vi segnaliamo che c’è un concorso fotografico sulla Settimana Santa. Si vincono 5.000 euro.

(fonte foto: pugliafedefolklore.it)

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?