Ostuni, il sessantenne Oronzo Clarizia denunciato a piede libero

/ Autore:

Cronaca


I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Ostuni, nell’ambito dei servizio di Polizia Giudiziaria, hanno denunciato il stato di libertà, il pregiudicato Oronzo Clarizia, 60 enne ostunese, residente a Napoli.

Clarizia è ritenuto responsabile di furto pluriaggravato di un apparecchio elettronico IPAD Apple “4”(pollici), del valore di circa 1000,00 euro, di proprietà di M.G.C., giovane studente di Carovigno, classe 1994.

Il giovane carovignese, aveva sporto ieri la denuncia di furto del tablet. L’apparecchio elettronico è stato sottratto da malviventi, i qualii se ne erano appropriati sfondato il cristallo della sua autovettura che poco prima aveva parcheggiato e chiuso a chiave in via Caduti di Nassiriya.

I poliziotti si erano attivati e, insieme al giovane derubato avevano eseguito una serie di accertamenti in rete finalizzate a localizzare l’apparecchio, il quale era regolarmente accreditato e registrato al momento dell’acquisto.

Grazie a tale funzione, di localizzazione, si sono ottenuti diversi validi elementi che, in fine, hanno consentito di localizzare la vettura Fiat Punto che era stata parcheggiata, nel frattempo, in via Rodio.

Bloccato, l’utilizzatore, (che si accingeva a recarsi in Bari), gli agenti hanno ritrovato sotto il sedile lato passeggero, l’ IPAD Apple “4”, il quale è stato immediatamente  sottoposto a sequestro.

Interpellato in merito alla provenienza di tale apparecchio, Clarizia ha fornito dichiarazioni vaghe, dicendo di aver trovato, nei pressi di un semaforo cittadino, per terra.

Dopo gli accertamenti di rito, si è potuto capire che Oronzo Clarizia, ha numerosi precedenti penali e di polizia, di vario genere e segnatamente in materia di furti e tentati furti, simili a quello verificato.

Dopo aver raccolto tutte le anche immagini in grado di supportare validamente l’ipotesi accusatoria a carico di quest’ultimo, Clarizia è sottoposto a obblighi di sorveglianza non armata.


commenti

E tu cosa ne pensi?