Martino Montanaro presidente regionale del Taekwondo: "Orgoglioso, felice e molto determinato"

/ Autore:

Altri sport, Sport



1Il nuovo Presidente regionale Taekwondo è un martinese. Si tratta di Martino Montanaro, che rappresenterà il Taekwondo Pugliese per il prossimo quadriennio olimpico 2013-2016, eletto all’unanimità e proclamato lo scorso 6 aprile a Nardò, presso la Sala Comunale del Chiosco dei Carmelitani, in occasione dell’Assemblea Regionale Elettiva della Federazione Italiana  Taekwondo.

Orgoglioso, felice e molto determinato – ha dichiarato durante la proclamazione il martinese neo eletto Presidente, che è passato successivamente ad illustrare il nuovo programma di lavoro per i prossimi anni -. Il Taekwondo deve continuare a crescere come ormai avviene da anni, per continuare ad occupare e mantenere le posizioni di vertice ottenute in questi anni sia a livello Nazionale che a livello Internazionale. La continuità è dunque importante, ma il mio ‘credo’ è nella programmazione e vi anticipo che i progetti innovativi su cui stiamo lavorando in accordo con tutti i membri dell’intero Neo-Consiglio, sono già tanti“.

Sulla continuità vigilerà lo stesso Consiglio Regionale che ad eccezione dell’inserimento in qualità di Consigliere rappresentante degli atleti, del Maestro massafrese Isacco Simeone, è rimasto pressoché inalterato.
Riconfermati i Consiglieri: Minotto Prete Vicepresidente – Francesco Campanella (brindisini) ed il Dott. Martino Fumarola, di Bari.
Obiettivo del Nuovo Consiglio sarà quello di incrementare, sia la già consistente attività su tutto il territorio, che il numero dei praticanti nella regione, di fatto raddoppiato negli ultimi dodici anni.

Il Taekwondo pugliese è tra primi posti in Italia e vive un momento unico, anche grazie alla Medaglia d’ORO Olimpica conquistata a Londra 2012 dal nostro atleta pugliese, Carlo Molfetta, originario di Mesagne. Un talento da sempre ed un grande orgoglio per tutto il movimento pugliese, ed anche di tutto il mondo sportivo in genere della nostra bella regione.


commenti

E tu cosa ne pensi?