Ostuni, all’XXL venerdì prossimo arriva la Combriccola di Vasco

/ Autore:

Uncategorized


XXL MARZOUna ricca programmazione musicale per tutti i gusti, è questo quello che offre nei mesi invernali l’XXL Pub di Ostuni. Gestito da Steven Epifani, il discopub offre una serie di appuntamenti musicali da non perdere durante tutto il weekend.

Venerdì prossimo alle 22.30 sul palco, si esibirà la cover band di Vasco Rossi, “La Combriccola di Vasco”. Il Gruppo nasce nel 1998 da un’idea di Mimmo Bucci e Gianluca Nanoia per dare seguito a varie esperienze live iniziate già qualche anno prima.

La band da sempre offre al proprio pubblico in tutte le esibizioni uno spettacolo molto coinvolgente sotto il profilo musicale ed emotivo ed in ogni serata propone sempre qualcosa di diverso e sorprendentemente piacevole.

Nell’attuazione del progetto, la band si è imposta di curare soprattutto l’aspetto tecnico dell’esecuzione dei brani di Vasco Rossi, al fine di soddisfare le esigenze di un pubblico sempre più attento e competente nell’ascolto della musica e nella valutazione della professionalità dei musicisti.

Ad oggi la Combriccola di Vasco ha suonato dal vivo con tutti i musicisti che hanno calcato i palchi di Vasco, o hanno avuto un ruolo importante nella sua storia musicale: Stef Burns, Maurizio Solieri, Andrea Innesto, Claudio “Gallo” Golinelli, Clara Moroni, Alberto Rocchetti, Daniele Tedeschi, Ricky Portera, Andrea Braido, Mimmo Camporeale ed ha realizzato dal 2008 al 2011 due dvd live e due cd live.

L’8 settembre 2012 la band apre l’evento “Vasco Rossi Deejay Project” presso il Cromie Disco di Castellaneta Marina, in uno spazio riservato ai possessori della tessera del Fan Club di Vasco. E’ la prima volta in assoluto in cui una cover band partecipa ad un evento ufficiale del Blasco.

Gnomo – lead vocal
Max Bollettieri – guitar
Gianluca Nanoia – keyboards
Simone Martusciello – bass
Vito Pesole – drum

Per info e prenotazioni 08311720519 – 3468353513, l’XXL è ad Ostuni nei pressi del Cinema Teatro Roma.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?