Calcio a 5. Lieto fine Olympique: la favola ostunese è in Serie C/1

/ Autore:

Calcio a 5, Sport


Da gennaio a maggio nessuno pensava che l’Olympique Ostuni potesse approdare in Serie C/1. Dico da gennaio perché  fino a ieri la squadra ostunese è stata capace di recuperare in classifica e vincere i play-off promozione, dopo un inizio di stagione non facile. La favola Olympique è riuscita a realizzare questa impresa davanti a un palazzetto pieno, dopo l’exploit con il Real Five Carovigno di due settimane fa. La partita di ieri aveva un coefficiente di difficoltà molto superiore, perché  l’altra finalista, le Aquile Molfetta, era una delle squadre più attrezzate della categoria. Invece la squadra di mister Iaia è riuscita nell’impresa di spezzare le ali delle Aquile e a imporsi con il punteggio di 7-4, sancendo così la promozione e la consegna della coppa per la squadra vincitrice dei play-off di Serie C/2.

L’ Olympique Ostuni inizia il match con il quintetto formato dal portiere Di Bari, Farina, Calò, Quartulli e Boccardi. Proprio quest’ultimo porta in vantaggio l’Olympique al 4’minuto, che batte Panunzio. Boccardi è stato il valore aggiunto di questa squadra, facendo sentire il suo peso e la sua esperienza, visto i suoi trascorsi in C/1 e prelevato dalla società ostunese proprio nel mese di gennaio. La reazione delle Aquile Molfetta non si fa attendere e al 15’minuto Mongelli supera Di Bari in posizione defilata e mette il pallone nel mezzo dove non c’è nessun giocatore molfettese a raccogliere il suggerimento del loro compagno. Un minuto più tardi l’Olympique raddoppia grazie a un’azione sulla sinistra portata avanti da Farina e concretizzata con un bellisssimo diagonale di sinistro di Giandonato. Sul 2-0 cresce l’entusiasmo degli ostunesi che al 18’ beneficiano di un calcio di rigore per un fallo di mano da terra di Mongelli; il tiro dal dischetto viene affidato a Quartulli, ma Panunzio si supera; sulla conseguente rimessa laterale però l’Olympique realizza il 3-0 con Quartulli, bravo ad aproffittare della dormita generale della difesa molfettese. Il Molfetta soffre le volate offensive sulla sinistra di Farina, che realizza il quarto e il quinto gol; il 5-0 spezza le gambe agli uomini di mister Minervini; nonostante ciò segna il gol del 5-1 con Ceci che sancisce anche la fine della prima frazione di gioco.

Il secondo tempo l’Olympique non si disunisce e al 6’minuto Farina, il migliore in campo per la grinta e la determinazione. Le Aquile Molfetta, che nonostante il risultato è sostenuto dai suoi circa 50 tifosi accorsi alPalaGentile, prova a reagire e nel giro di pochi minuti accorcia le distanze prima con Cirillo e poi con una punizione magistrale di Mongelli, con Di Bari immobile. La partita sul 5-3 si riapre, ma l’Olympique ha intenzione di richiuderla. Mister Iaia  fa rientrare nuovamente Farina, consapevole dell’apporto che può dare al match. Al 21’minuto del secondo tempo Mino Boccardi segna il 6-3 e due minuti più tardi Farina mette a segno il gol del 7-3. Il Molfetta prova a recuperare aggiungendo il portiere in movimento Minervini, che segna il gol del 7-4 a pochi minuti dalla fine. L’Olympique Ostuni gestisce il finale di match senza problemi. E al triplice fischio è festa per i giocatori, con la consegna della coppa da parte del presidente Andriola, per una stagione da incorniciare e una stagione, la prossima, da iniziare a programmare per una nuova avventura per l’Olymique Ostuni.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?