Calcio a 5. Olympique batte la Diaz Bisceglie 6-4

/ Autore:

Calcio a 5, Sport



Olympique Ostuni – Diaz Bisceglie 6-4 (1-2)

Olympique Ostuni: Di Bari,  Convertini, Calò, Giandonato, Digiuseppe, Fiorentino, Boccardi, Fumarola L., Fumarola A., Quartulli, Lacatena, Vinci. All. Iaia

Diaz Bisceglie: Povia, Papagni P., Preziosa, Tortora, Palermo, Garofoli, Di Pinto, Lavolpicella, Valente, Di Corrado, Paganini A. All. Di Pinto

Arbitri: Buzzacchino di Taranto e Franco di Bari

Buona la prima per l’Olympique Ostuni, che non stecca la prima partita del campionato Serie C/1, al debutto assoluto dopo la promozione ottenuta l’anno scorso. L’Olympique Ostuni batte la Diaz Bisceglie 6-4, al termine di una partita che il quintetto gialloblù ha temuto anche di perdere; ma nell’ultima parte del secondo periodo (ben 7 gol in dieci minuti!)  è successo proprio di tutto con il quintetto gialloblù che ha ribaltato il risultato, portando a casa i primi punti.

L’Olympique, reduce dal passaggio del turno in Coppa Italia ai danni dell’Audace Molfetta, si schiera con il quintetto formato da Convertini, schierato a sorpresa da mister Iaia al posto dell’inamovibile Di Bari, e poi dal capitano Calò, Digiuseppe, Fiorentino e Quartulli. La Diaz si schiera con Povia, Tortora, Lavolpicella, Palermo e Valente. Pronti via e la Diaz Bisceglie si rende subito pericolosa prima con Tortora e poi con Palermo, con Convertini chiamato agli straordinari. L’Olympique Ostuni, che sente il debutto per la prima di Serie C/1, prova a reagire con Quartulli, ma il portiere barese è attento. La Diaz continua ad attaccare e al 7’ passa in vantaggio con l’esperto Lavolpicella. L’Olympique subisce il colpo e al 14’ la Diaz Bisceglie raddoppia ancora con Lavolpicella (il migliore in campo tra i baresi) con un diagonale che trafigge Convertini. Mister Iaia chiama il time out per riordinare le idee ai suoi uomini. E intanto entrano Vinci, Boccardi e Giandonato. E proprio i cambi trasformano l’Olympique, che inizia a creare le prime occasioni. Ed è proprio il neo entrato Vinci al 17’ accorcia le distanze (2-1). L’Olympique adesso ci crede, ma la Diaz non si scompone. Infatti Garofoli, appena entrato per Lavolpicella, sbaglia per due volte il gol del 3-1. L’Olympique si ricompatta e nel finale Quartulli, uno dei migliori per la grinta messa in campo, ruba palla a Lavolpicella e a tu per tu con Povia manca il gol del pareggio.

Nel secondo periodo si accende il match, con l’Olympique che tenta di riacciuffare il pareggio. Ci prova con Digiuseppe e Fiorentino, ma in entrambe le occasioni Povia si supera. La Diaz attacca e lo fa con Valente, ma è bravo Di Bari, entrato al posto di Convertini, a bloccare la conclusione. All’8’minuto scambio nello stretto tra Digiuseppe e Quartulli, con quest’ultimo che si vede respinta la conclusione da Povia. Al 14’minuto Lavolpicella viene ammonito per proteste. Al 17’ Quartulli ha sui piedi il gol del pareggio, dopo la magnifica sponda di Luciano Fumarola, ma il numero 7 ostunese manca clamorosamente il gol. Gol sbagliato, gol subito, perché il portiere della Diaz Povia, segna il gol del 3-1, portandosi palla al piede dalla sua porta, trafiggendo così Di Bari. L’Olympique non si rassegna e al 20’ Vinci accorcia le distanze per il 2-3. Da qui succede di tutto, perché la Diaz manca il quarto gol con Papagni, dopo la combinazione con Lavolpicella e su capovolgimento di fronte l’Olympique pareggia con Giandonato, che fa esplodere il palasport ostunese. Partita finita? Macché! All’24’ l’Olympique Ostuni si porta in vantaggio con Luciano Fumarola che sigla il gol del 4-3. La Diaz non ci sta e pareggia un minuto più tardi pareggia con Palermo per il 4-4. A due minuti dalla fine Boccardi segna il 5-4 su rovesciata, dopo la sponda meravigliosa di Fiorentino. La Diaz si gioca la carta del portiere in movimento e al 29’ Valente fallisce a pochi passi da Di Bari il gol del pareggio. Ancora Diaz con Lavolpicella con il tiro fuori di poco. Il forcing finale della Diaz non produce più niente. L’Olympique si arrocca in difesa e nell’ultimo minuto di recupero il capitano Calò segna a porta vuota il gol del 6-4, che sancisce la fine della partita, vinta soprattutto con il cuore dagli uomini di mister Iaia. Adesso martedì per l’Olympique impegno infrasettimanale contro i cugini del Real Five, che ha perso in trasferta contro le Aquile Molfetta per 3-0.


commenti

E tu cosa ne pensi?