Esordio in casa scoppiettante per la Real Five: vittoria nel derby con l’Olympique

/ Autore:

Calcio a 5, Sport



Una grande vittoria per la neopromossa Real Five Carovigno (terza ammessa in C1),nello storico derby pugliese contro l’Olympique Ostuni(seconda ammessa in C1 alle spalle del Rutigliano),in un gremito “Pala Fernando Prima”. I rosso blu devono riscattare la sconfitta rimediata a Molfetta e dimostrare i progressi di un progetto partito in ritardo ma che deve accelerare per mantenere la massima categoria regionale. L’Olympique Ostuni non vuole perdere l’opportunità di portarsi a punteggio pieno dopo la vittoria in casa contro il fanalino di coda, la Diaz Bisceglie. Mister Tateo schiera Ciola tra i pali,Lorusso,Cianciaruso,Elia e Albano.

Questo è il quintetto base che farà impazzire gli appassionati di calcio a 5.L’Olympique scende invece in campo con una formazione offensiva, lasciando fuori molti dei protagonisti della scalata alla C1 della scorsa stagione. Si intuisce subito che a differenza degli anni passati gli ospiti non vogliono subire il gioco avversario per colpire in ripartenza ma anzi vogliono invertire quella che tradizionalmente era una sfida tra due modi diametralmente opposti di fare calcio a 5. Passano tre minuti dal calcio d’inizio, Elia dalla sinistra serve con un lancio millimetrico un inserimento di Lorusso che al volo incrocia col destro mettendo a segno un goal fantastico. L’Olympique cerca di reagire,ma è arcigna e molto ben organizzata la difesa della Real Five . Al decimo minuto,dopo un’azione corale,la Real trova il raddoppio con Cianciaruso che insacca alle spalle di Di bari su assist di Elia.Da qui in poi i ragazzi di mister Tateo mettono in mostra tutte le proprie qualità di palleggiatori e,a differenza della trasferta di Molfetta ,concretizzano al meglio le occasioni avute grazie alla freddezza di Albano e Cianciaruso.E’ proprio quest’ultimo che al minuto quattordici sigla il suo secondo goal su azione personale dopo aver dribblato anche l’estremo difensore avversario. Passano solo pochi secondi e la Real Five cala il poker con il solito Cianciaruso,che su assist perfetto di capitan Cecere,sigla la sua prima tripletta con i nuovi colori. A dieci minuti dal termine del primo tempo gli ospiti accorciano le distanze con una rocambolesca autorete dello stesso Cianciaruso che mette alle spalle del proprio portiere. Ci mettono ben poco i rosso blu a ristabilire le distanze con Albano,che chiude sul secondo palo un diagonale perfetto di Elia:5 a 1 per i padroni di casa. Sul finale gli ospiti si fanno di nuovo sotto con un gran sinistro da centrocampo di Lacatena(il più frizzante tra i suoi) che segna un gran goal. Il primo tempo si conclude sul punteggio di 5 a 2.

Nella ripresa la storia non cambia:nonostante la squadra di mister Iaia attacchi a testa bassa, la Real Five tiene palla ed elude la pressione avversaria rischiando più volte di segnare,vista anche la confusionaria tattica del portiere di movimento messa in atto dall’olympique che dura infatti pochissimi minuti. Sarà inutile il goal di Di Giuseppe a pochi minuti dalla fine. La Real Five vince e convince grazie al bel gioco espresso;le due squadre escono alla fine tra gli applausi del pubblico del “Pala Fernando Prima” di Carovigno.

Mister Tateo afferma a fine gara:”Siamo convinti dei nostri mezzi,non ci siamo abbattuti alla prima sconfitta e abbiamo creduto nel gioco che ci ha portati alla vittoria questa sera,ma non abbiamo fatto nulla,questo è solo il primo e piccolo passo in avanti,da domani concentrati al massimo per la trasferta contro la corazzata Futsal Canosa”.  Da segnalare un piccolo episodio tra un componente dello staff tecnico dell’Ostuni e un giocatore del Carovigno subito stigmatizzato da entrambe le parti. Unica nota dolente una battuta infelice nei confronti di un giocatore della Real Five che non era stato schierato in campo. Complessivamente è stato un derby corretto dentro e fuori dal campo al di là di qualche piccola scaramuccia. Vanno perciò fatti i complimenti ad entrambe le società che hanno contribuito a trasformare il derby in una festa dello sport. L’augurio è che in futuro si possa fare ancora meglio perché tra le due società ci sono molti compaesani ed amici, quindi più che una vittoria o una sconfitta conta il come lo si fa, per continuare il progetto comune di diffondere questo splendido sport nella nostra zona. 


commenti

E tu cosa ne pensi?