Riunione dell’Associazione “Il Borgo Ostuni” con la presenza del sindaco Coppola e dell’assessore Trifan

/ Autore:

Economia, Società


Riceviamo e pubblichiamo:

Il 29 settembre si è riunita l’Assemblea degli Associati dell’Associazione “Il Borgo Ostuni”, ospitata presso il nuovo concept store di Officine Tamborrino.

Oltre agli associati e al Consiglio Direttivo erano presenti il Sindaco, Gen. Coppola e l’Assessore alle Attività Produttive, Dott.ssa Trifan.

Si è proceduto ad una rapida carrellata sul nuovo arredo dell’Infopoint in Piazza della Libertà 65, più funzionale, moderno, accogliente e ricco di informazioni, sul nuovo sito www.borgostuni.it i cui contenuti originali ed eventi riguardanti tutta la città hanno portato a conoscenza di residenti e turisti le opportunità di conoscenza, svago ed iniziative in giro per la città.

È stata dedicata una buona parte dell’Assemblea alla presentazione da parte di Domenico Melpignano, laureando in Economia del Turismo e responsabile comunicazione de “Il Borgo Ostuni, dei risultati del questionario sulla soddisfazione dei turisti sulla destinazione turistica Ostuni, la cui distribuzione è iniziata a giugno sia in forma cartacea, sia tramite il sito dell’associazione. Sicuramente hanno suscitato molto interesse ed incentivato la voglia di contribuire ulteriormente al progetto la minuzia del dettaglio riguardo agli aspetti sociologici, rispetto ai punti di forza e debolezza della nostra città, rispetto alla presa di coscienza dell’asincronia che intercorre in alcuni casi tra domanda ed offerta turistica. Insomma, un lavoro scientifico che va al di là di ciò che si immagina, e si va senza filtri a sentire la voce diretta di chi sceglie la nostra città per la propria vacanza o per la visita di qualche ora.

In particolare ci sono alcuni aspetti su cui vale la pena soffermarsi per delle riflessioni rispetto ai dati emersi. Quasi il 60% dei turisti a cui è stato sottoposto il questionario ha un grado di istruzione accademico (17% triennale, 49% magistrale), riscontrato infatti dalle professioni comunicate liberamente di cui la maggior parte in ambito medico, accademico, dell’imprenditoria, legale, progettazione edilizia e liberi professionisti. Questo ci dice chiaramente che il turista “tipo” che arriva ad Ostuni è mediamente di buon livello culturale, che ha già viaggiato tanto e che sicuramente sa individuare un prodotto o servizio di qualità. La provenienza degli stranieri è rappresentata principalmente da Europei del centro e del nord, anche se non sono da sottovalutare gli arrivi da USA, Canada e Giappone.

Il 60% dei turisti ci ha raggiunti in auto, il 20% con mezzi pubblici (aereo o treno), camperisti 4%, il 3% in bici, superando il turismo motociclistico che si afferma sul 2%. Questo dato si può leggere in diversi modi, ma sicuramente non si può continuare a trascurare che il trasporto pubblico va incentivato, potenziato e pubblicizzato meglio, soprattutto in virtù di un 67% di rispondenti che prevede di visitare le città limitrofe, e che è una scelta che non si può e non si deve influenzare, ma da cui magari si può trovare la forma collaborativa tramite cui incrementare i flussi. Ad esempio, non è tollerabile che da Ostuni ad Alberobello si debba prendere un bus per Cisternino, fare 800 metri a piedi per raggiungere la stazione e prendere un treno per altri 40 minuti.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?