"Scuola Sicura, Bella, Democratica: sabato un incontro pubblico organizzato dal Pd

/ Autore:

Uncategorized


Sabato 31 gennaio alle ore 16:30 presso la sala “don Lino Palmisano di Villa Mitolo a Locorotondo si terrà un convegno sul tema della scuola  organizzato dal circolo locale del Partito Democratico. “Scuola sicura, bella, democratica” questo è il titolo dell’incontro al quale interverranno Donato Pentassuglia, Assessore Regionale alla sanità del Pd, Anna Rita Lemma, Presidente dell’Assemblea Regionale del Pd nonché membro della Commissione Istituzionale della Regione Puglia, Dario Costantino, portavoce nazionale della Federazione degli studenti, Francesca Cisternino, consigliere comunale del Pd. Abbiamo ascoltato il segretario cittadino del Pd: Silvestro Catalano per una dichiarazione in merito.

“Il problema degli spazi scolastici a Locorotondo è un tema sempre di attualità ed è un tema però che noi vogliamo analizzare non soltanto in chiave locale, ma anche in un contesto nazionale nel quale, comunque, il governo Renzi ha cercato di dare la massima importanza al tema della scuola e dell’adeguamento delle strutture scolastiche”.

Tra le azioni del Governo infatti, la scuola è un elemento cardine del rinnovamento pensato dal premier, diventa prioritaria e di importanza strategica tant’è che molti fondi sono stati stanziati proprio per l’edilizia scolastica dalla sicurezza all’efficienza energetica, dal restauro a una qualche stabilizzazione del corpo docenti. Anche Locorotondo ha ottenuto diversi finanziamenti dalla regione Puglia grazie al continuo impegno del Partito Democratico regionale: si pensi per esempio, alla scuola Marconi.

Per questo il locale circolo del Pd ritiene importante che la cittadinanza sia informata e  maggiormente coinvolta nelle attività che hanno al centro i propri figli e nipoti, ovvero il futuro tangibile del nostro paese.

A tal proposito invitano  tutti gli iscritti, i simpatizzanti e chi ha a cuore le sorti dell’educazione nella nostra comunità ad intervenire all’incontro pubblico.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?