7° edizione Comuni Ricicloni 2014-Legambiente, Ostuni è nella top ten dei comuni superiori ai 10000 abitanti

E’ stato presentato ieri il Rapporto regionale di Legambiente per quanto riguarda la raccolta differenziata nell’anno 2014 nei diversi comuni e province della Puglia. E anche Ostuni dice la sua.

Nella settima edizione dei Comuni Ricicloni 2014 la città bianca fa parte della top ten per quanto riguarda i comuni superiori ai 10000 abitanti. Ostuni occupa la quinta posizione con, alle spalle, in ordine di classifica, di Rutigliano, Canosa, Torre Santa Susanna e San Pancrazio Salentino. Proprio il comune barese è il Comune Riciclone, che conferma il trend positivo della raccolta differenziata, con il premio vinto anche nella scorsa edizione. Per Ostuni, invece, un altro passo avanti in termini di ambiente, ottenendo un altro traguardo importante, dopo quello dell’edizione scorsa, quando si aggiudicò il Premio di Seconda Categoria, con il decimo posto.

Nonostante questi risultati positivi, a Ostuni la raccolta differenziata è iniziata nel 2011, forse un po’ tardi, forse un po’ prima del tempo, sta di fatto che i risultati non sono negativi. Sparirono i tradizionali cassonetti per la strada, ed è iniziata l’avvento della raccolta porta a porta. Ha creato non pochi disagi, si, in particolare per le zona rurale ostunese, molto estesa, ma si sono create le condizioni necessarie per agevolare i cittadini (e anche i turisti) a questo cambio “epocale”, grazie anche all’azione dell’amministrazione comunale di ieri e di oggi e delle diverse forze dell’ordine, in particolare la Guardia Forestale.

Il presidente di Legambiente, Francesco Tarantini, non è ancora soddisfatto dei dati emersi da questa edizione dei Comuni Ricicloni: “Dal dossier emergono ancora pochi segnali positivi. Aumenta il numero dei comuni ricicloni mentre si conferma il trend decisamente negativo dei Capoluoghi di Provincia ad eccezione dei Comuni di Andria e di Barletta. Per il resto i problemi rimangono gli stessi da anni: la media percentuale regionale di raccolta differenziata è ancora troppo bassa, si attesta intorno al 27% nel 2014. E’ arrivato il momento di voltare pagina chiudendo il ciclo dei rifiuti in Puglia, con le politiche coraggiose che hanno dato risultati concreti anche in territori in emergenza come la Campania che oggi può vantare una media regionale di differenziata del 50% e ben 143 Comuni ricicloni”

Da questi dati negativi che Legambiente ha deciso, per la prima volta in questa edizione, di stilare la classifica dei comuni denominati “Gli indifferenti”, tra cui spuntano comuni importanti come Foggia e Martina Franca.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.