Circolo Tennis Ceglie. Un progetto destinato a crescere

/ Autore:

Sport, Tennis



Continua a crescere e consolidarsi il Circolo Tennis Ceglie. Un’associazione giovane, affiliata alla Federazione Italiana Tennis dal 2011 ma con programmi ed idee chiare per il futuro. Nonostante i pochi anni di vita il Circolo di Ceglie ha rappresentato in questi anni un punto di riferimento per tanti atleti, professionisti ed amatoriali: “Siamo cresciuti molto e contiamo di farlo ulteriormente nel breve periodo – dichiara Enrico Marseglia, direttore sportivo del CTC. Abbiamo già organizzato diversi eventi che hanno richiamato tanti atleti. Campionati invernali, serie C, terza e quarta categoria sono alcuni obiettivi da noi raggiunti“.

In pochi anni una struttura sempre più completa: “Ci siamo strutturati bene – continua Enrico Marseglia – portare avanti un progetto come il CTC non è certamente facile, siamo tanti collaboratori, ognuno con compiti ben precisi e gli obiettivi raggiunti fino ad oggi dimostrano la bontà di ogni singola persona che compone l’organigramma del nostro Circolo“.

Anche quest’anno l’importante impegno di serie C: “Un torneo valido e competitivo. La C Maschile vanta giocatori tecnicamente ottimi ed esperti. La presenza di Valentin Dimov, nazionale bulgaro in Coppa Davis, degli argentini Cressa ed Iliev, giocatori Atp, è per noi stimolo di ulteriore crescita, sfociata nel nostro miglior atleta locale, Giuseppe Argentiero. Un torneo con tanti talenti che sicuramente aiuta lo sviluppo globale del nostro programma“.

Giovani e futuro: “Nel nostro piccolo stiamo cercando di creare un settore giovanile che possa richiamare tanti piccoli atleti cegliesi e di zone limitrofe – conclude Marseglia -. Sarebbe importante creare in futuro una piccola club house con più campi in modo da far crescere grandi e piccoli in maniera omogenea. Servirà il lavoro di tutte le componenti per raggiungere nuovi obiettivi e far avvicinare un numero sempre maggiore di persone ad uno sport che educa sotto tutti i punti di vista“.


commenti

E tu cosa ne pensi?