Appalto rifiuti a Martina Franca. Tutto da rifare?

/ Autore:

Ambiente, Società



Gara per il servizio di igiene urbana a Martina Franca e nell’ARO TA2 a rischio. Dopo l’assegnazione provvisoria al gruppo guidato da Sieco spa, una verifica dei documenti presentati da parte dei legali della Tradeco avrebbe portato alla luce che la garanzia fideiussioria, necessaria per passare la prima fase della gara, presentata da parte del gruppo Sieco – Del Fiume – Cogeir, non sarebbe da ritenere valida, perchè rilasciata da un soggetto, l’Ilfa Leasing spa, che non sarebbe iscritta all’elenco degli intermediari finanziari previsti dall’articolo 107 del T.U. bancario, ma a quello degli intermediari di cui all’articolo 106 del medesimo testo unico. Come riporta ExtraMagazine, l’Ilfa Leasing “in occasione dell’affidamento alla Belice Ambiente S.p.A di una discarica a servizio dell’ATO Trapani/2, ha fatto pervenire una nota nella quale dichiarava “di essere autorizzata nel rispetto della discipline vigente a svolgere l’attività di garanzie fidejussorie sia nei confronti del settore pubblico sia nei confronti del settore privato“.

Il documento fideiussiorio è uno dei primi ad essere valutato dalla commissione giudicatrice e se dovessero rivelarsi vere le affermazioni dell’ufficio legale di Tradeco, il gruppo di Sieco non avrebbe nemmeno potuto superare la prima fase di valutazione: l’offerta tecnica non sarebbe nemmeno stata aperta. Se così dovesse essere tutta la gara rischia di essere inficiata, perchè si dovrebbero riassegnare i punteggi sia sui progetti tecnici che sulle offerte economiche. Il gruppo di Sieco, infatti, ha vinto grazie ad un’offerta economica molto vantaggiosa (vedi risultato gara).

In questa settimana la commissione giudicatrice dovrebbe convocarsi per discutere di un eventuale soccorso istruttorio, comminando una sanzione al gruppo di Sieco, oppure, come sostiene l’ufficio legale di Tradeco, riconoscere che non è applicabile in questo caso. Due saranno le strade da percorrere, quindi: o l’annullamento in autotutela della gara (tutto da rifare) oppure l’assegnazione provvisoria alla seconda classificata, la Tradeco, appunto.

Il nuovo servizio per la raccolta dei rifiuti non partirà sicuramente a breve.


commenti

E tu cosa ne pensi?