Alteratletica: Trofeo invernale di Marcia Gregorio Angelini c’è

/ Autore:

Altri sport, Sport


 

Domenica scorsa, 31 gennaio, si è svolto a Catania  il Trofeo Invernale di Marcia nell’assolata città siciliana di Catania. A tagliare il traguardo nella 50 Km di marcia, con la grinta che lo contraddistingue, c’era il nostro Gregorio Angelini dell’Alteratletica Locorotondo che, all’esordio sulla distanza, ha concluso brillantemente la prova al terzo posto assoluto in 4h08’40” alle spalle dei giovani, ma più esperti di lui sulla distanza, Andrea Agrusti e Michele Antonelli.

 La Fidal ha dichiarato che molto probabilmente “il crono realizzato dovrebbe rappresentare anche il record regionale sulla distanza (in fase di verifica) oltre che una tra le migliori prestazioni nazionali per un esordiente sulla distanza dei 50 km.”

Intanto, in casa Alteratletica non si contano più gli ottimi risultati che ormai da qualche anno abbondano nel palmares della società locorotondese. “20 anni ancora da compiere, ma già tanti risultati importanti alle spalle e, soprattutto, tanta voglia di fare-  ha dichiarato l’Alteratletica –  Gregorio ha portato ieri a casa un grandissimo risultato. Al suo esordio nella gara più lunga del programma dell’ Atletica Leggera, la 50km di marcia, conclude al terzo posto assoluto la lunghissima fatica con l’ottimo tempo di 4h08’40”, prestazione che fa davvero ben sperare per il suo futuro. Tanta la gioia e l’emozione dei presenti e di chi da casa tifava per lui e, tante le soddisfazioni che Gregorio riesce sempre a regalare.
Tantissimi complimenti vanno anche al vincitore, Michele Antonelli (classe ’94), primo a tagliare il traguardo con un fortissimo crono di in 3h56’57, e ad Andrea Agrusti (classe ’95), secondo in 4h00’07””

Infine, sempre la società di atletica locorotondese ha concluso: “consapevoli della tanta strada ancora da percorrere, dei chilometri da macinare e del sudore da versare, facciamo i nostri più grandi complimenti a Gregorio e ai suoi compagni”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?