SS172-depuratore, Caroli: “Amministrazione colpevole e Martina Franca isolata”

/ Autore:

Ambiente, Politica


Sulla vicenda depuratore-sequestro SS172 interviene Mario Caroli, coordinatore provinciale (enti locali) di Forza Italia:

Nel giro di pochi giorni, prima, viene sequestrato l’impianto di depurazione, poi, chiuso il tratto della Strada Statale 172 , che congiunge Martina Franca a Locorotondo, interessato dalle problematiche del recapito finale delle acque reflue. Martina isolata. La corsa dell’amministrazione comunale nel dichiarare la propria innocenza ne è al contrario un’ implicita ammissione di colpevolezza. I martinesi rischiano l’incolumità su strade non adatte ad un imponente traffico veicolare, limitati nel vivere civile, nella vita lavorativa, nell’afflusso turistico e tanto altro. La legge chiama in causa il sindaco e la sua amministrazione, con poteri e funzioni specifici.

Il sindaco è il responsabile della sanità e della sicurezza del comune. Il D.Lgs. 267/2000 recita che il Sindaco, nella sua qualità di ufficiale del governo, può adottare provvedimenti contingibili ed urgenti con lo scopo di reprimere e prevenire pericoli che minacciano la pubblica incolumità, oltre che in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale. Si aggiunga che in materia ambientale è rilevante l’art. 17 del decreto “Ronchi”. Deve rammentarsi, a norma di tale legge, che l’ amministrazione comunale non ha solo il compito di diffidare il responsabile dell’inquinamento a provvedere agli interventi di messa in sicurezza, di bonifica e di ripristino ambientale delle aree inquinate e degli impianti dai quali deriva il pericolo di inquinamento ma è il Comune stesso incaricato dalla legge di provvedere d’ufficio agli interventi di messa in sicurezza, bonifica e ripristino ambientale qualora non vi provveda il responsabile dell’inquinamento. Ecco, quali i provvedimenti assunti dal sindaco per supplire all’assenza di Anas e Acquedotto Pugliese?

Perchè aspettare che l’emergenza fosse gestita dalla magistratura? Ora di fronte a tutte questi obblighi a cui la legge la richiama, l’amministrazione risponde che non è colpa sua e che le responsabilità vengono da lontano. Delle due l’una o state scontando giusto ora tutti gli errori degli ultimi 50 anni di amministrazione ed allora siete tremendamente sfortunati, oppure, molto più semplicemente, non sapendo occuparvi dell’amministrazione ordinaria a maggior ragione non sapete gestire quella straordinaria. Ai martinesi l’ardua sentenza, sfortunati o incompetenti?


commenti

E tu cosa ne pensi?