Al via i lavori di potenziamento del depuratore di Ceglie Messapica

/ Autore:

Ambiente, Società



Grazie a interventi strutturali e di ammodernamento impiantistico, operati nella filiera di processo della depurazione, l’Acquedotto Pugliese consentirà al territorio servito di beneficiare di un significativo, duplice vantaggio. Da una parte, l’incremento delle potenzialità di trattamento dell’attuale depuratore, in coerenza con le prospettive di sviluppo dell’abitato servito, dall’altra, non meno significativo, un cospicuo effetto di riduzione degli impatti ambientali.

Sul versante più strettamente tecnico, i lavori avviati produrranno il risultato di aumentare in modo sostanziale la potenzialità dell’impianto di depurazione, dagli attuali 29.980 Abitanti Equivalenti (termine tecnico, che definisce le quantità di sostanze organiche biodegradabili trattabili giornalmente dal depuratore) a 33.279 A.E.

L’adeguamento sarà realizzato attraverso la realizzazione di un dissabbiatore, di una nuova vasca di accumulo di emergenza, di un reattore di stabilizzazione aerobica dei fanghi, di coperture con pannellature modulari in vetroresina sui bacini della linea fanghi e della linea acque per il controllo delle emissioni odorigene, un sistema di convogliamento e trattamento con sistema biologico-chimico (scrubber e biofiltro) dei flussi odorigeni.

L’intervento, pianificato dalla Regione Puglia, per un importo complessivo di 3 milioni di euro, rientra tra quelli previsti dal CIPE, nell’ambito del “Fondo per lo sviluppo e la coesione” (FSC) – Interventi di rilievo nazionale ed interregionale e di rilevanza strategica regionale per l’attuazione del Piano Nazionale per il Sud ed in particolare interventi nel Settore idrico.

Le opere saranno ultimate entro maggio 2017.

Un significativo intervento, che garantirà ai cittadini un servizio sempre più efficiente e in linea con l’impegno dell’Acquedotto a rispondere positivamente alle reali aspettative del territorio servito.

Tre milioni per ammodernare il depuratore di Ceglie Messapica
A lavori ultimati e dopo il periodo di rodaggio, l’impatto dei reflui del depuratore di Ceglie Messapica sul Canale Reale dovrebbe essere sensibilmente attenuato.


commenti

E tu cosa ne pensi?