Dalla Valle d’Itria al mondo: storie da WSK

Spettacolo di portata internazionale quello andato in scena lo scorso fine settimana al World circuite “La Conca” di Muro Leccese per la terza delle quattro prove previste nel campionato WSK Super Master series di kart.

In giro per il paddock si respira davvero un’atmosfera mondiale, bello e suggestivo ascoltare i dialoghi in diverse lingue del globo tanto da sembrare una rivisitazione in chiave moderna della torre di Babele. 40 nazioni rappresentate, di tutti e cinque i continenti rappresentati, per comprendere la portata dell’ evento.

Tra questi giovanissimi piloti, si celano alcuni che non tarderanno ad arrivare nell’ olimpo della F1, basti pensare a Max Verstappen, ultimo in ordine di tempo, ad aver calcato solo tre anni fa, il bellissimo impianto salentino, così tanto apprezzato da Michael Schumacher.

Oltre 200 piloti, si sono confrontati nelle cinque classi previste, in un vero e proprio tour de force che, partendo da giovedì 30 aprile, si è svolto con innumerevoli turni di prove libere, gare eliminatorie, prefinali atte a formare il gruppo dei migliori che hanno preso parte alle finali.

Anche la Valle d’Itria, è stata rappresentata da quattro forti piloti che hanno cercato di mettersi in evidenza, negli agguerriti grupponi, cercando di piazzare il tricolore più in alto possibile tra i tanti vessilli dei piloti presenti.

Nella 60 mini, il pilota locorotondese Francesco Pulito (Praga junior) è tredicesimo nella prefinale B e conclude in 20^ posizione la finale, non riuscendo ad emergere dal folto gruppo dei ragazzini dai 9 ai 13 anni. Nella stessa categoria, il castellanese Francesco Pio Sgobba, finisce la sua esperienza in terra leccese, con un 27° posto assoluto.

Alex Irlando (Energy kart) ottimo decimo in una delle due prefinali KZ/KZ2, termina la sua gara in 8^ posizione assoluta di KZ2, complice un contatto di gara, risultato che non rende onore alle ottime capacità velocistiche del driver locorotondese.

Prestazione che si pone come fiore all’occhiello del motorsport della nostra zona è la conquista del terzo posto nella massima classe, la KZ2, del portacolori del team martinese Palmisano kart: il pilota di Grottaglie Luigi Musio

Sempre ai vertici nei giorni precedenti alla gara, nelle fasi eliminatorie, conclude la prefinale mista KZ/KZ2, al sesto posto. Già reduce dal terzo posto nella prova precedente del WSK di Sarno (Napoli), si ripete con il medesimo risultato anche nel Salento. Terzo gradino del podio che vale una vittoria, considerando la griglia di partenza formata prevalentemente da piloti appartenenti a squadre ufficiali, mentre Musio, ha corso con un mezzo al top, ma pur sempre messo a disposizione da un piccolo team satellite, quale è quello di Palmisano, anche nelle corse, quindi, può ripetersi la storia di Davide e Golia.

Adesso, team e piloti della WSK, si ritroveranno in provincia di Rovigo, sul kartodromo internazionale di Adria, per la quarta e ultima prova di un campionato che si pone sempre più come una delle più dorate vetrine del karting mondiale.

Per chi ha avuto la fortuna di assistere all’evento di Muro Leccese, resta una bellissima giornata di sport di altissimo livello, dove si respirava davvero forte, il “profumo” del professionismo nel motorsport, nelle grandi tende officina dei team ufficiali che riempivano il paddock, si respirava nella multietnica folla che ci lavorava dentro e che si aggirava tra i vicoli di questa “cittadella” itinerante del kart.

Foto: Giuseppe Carrone

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.