Automobilismo: Giovinazzi conquista la Pole Position a Baku

Antonio Giovinazzi ha conquistato la pole position al termine delle qualifiche della GP2 Series, arrivato al suo terzo appuntamento a Baku, la capitale dell’Azerbaijan. Sul circuito cittadino di 6006 metri il pilota italiano è stato sempre tra i piloti più veloci fin dalla sessione di prove libere di questa mattina. Dopo aver segnato il secondo miglior tempo, a 0″325 dal francese Norman Nato (entrambi i soli a scendere sotto il tempo di 1’56”), nella sessione di qualifica è stato Giovinazzi il pilota da battere. Il russo Sergey Sirotkin, poi il giapponese Nobuharu Mastushita, hanno cercato di battere il pilota del team Prema Racing, con una serie di giri record. Ma il pilota italiano ha atteso gli ultimi minuti della sessione per lanciarsi nella sua migliore prestazione: Giovinazzi ha girato in 1’51″752 negli ultimi 3 minuti, restando imbattuto sotto la bandiera a scacchi per centrare la sua prima pole position in GP2.

Dovevo fare solo una cosa, qui a Baku – ha detto Giovinazzi al termine delle prove – impressionare con una buona prestazione. Sono contento di aver ottenuto la mia prima pole position in GP2 ma, soprattutto, sono molto soddisfatto di aver cancellato in una sola giornata di prove gli sfortunati fine settimana precedenti. Sono partito con il piede giusto, fiducioso di un buon risultato fin dalle prove libere: sono uno dei rookie di questa stagione in GP2, ma questo fine settimana corriamo tutti su un nuovo tracciato, quindi qui a Baku siamo tutti dei debuttanti. Di questo circuito mi piacciono alcune curve come le prime tre, sulle quali penso avverranno molti sorpassi durante le gare. Mi piace molto il carattere veloce del Baku City Circuit e la grandezza dei suoi paesaggi. In confidenza, nel primo giro di stamattina mi sentivo più un turista che un pilota, per come ero meravigliato guidando nel fantastico panorama di Baku che vedevo dal mio abitacolo!…

Il pilota di Martina Franca ha ritrovato sul circuito azero sensazioni a lui note: “Questa pista mi dà la sensazione di guidare sulle strade di Macao: forse, la mia lunga esperienza con quella pista mi ha aiutato a essere veloce a Baku fin dai primi momenti. Infatti la prima sessione è andata bene e ho ottenuto il secondo miglior tempo, scendendo sotto il limite di 1’56”. Poi, nella sessione di qualifica sono partito determinato a migliorare ancora. Il giapponese Nobuharu Matsushita si è impegnato con me in una grande sfida per la pole position. Dopo che il russo Sergey Sirotkin aveva battuto il mio precedente miglior tempo, ho girato in 1’51″894, diventando nuovamente il più veloce. Poi è andato in testa Matsushita, con un nuovo giro più veloce. Eravamo a 3 minuti dalla fine e sapevo che era quello il momento in cui dare il massimo. Sono sceso ancora fino a 1’51″752, 8 centesimi più rapido di Matsushita. La mia prima pole position in GP2 era nelle mie mani. E di questo devo ringraziare il mio team Prema Racing, per il gran lavoro che svolgiamo insieme.”

Il circuito azero ha in questo fine settimana il suo debutto nel Circus F.1. I piloti stanno facendo conoscenza con un nuovo asfalto, che non è ancora dotato del giusto grip. Oggi in Gara 1 Antonio Giovinazzi e l’intero pacchetto di piloti del GP2 scopriranno quanto le prestazioni possono ancora migliorare.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.