Riorganizzato l’ufficio tecnico. Idealista: il commissario ha fatto quello che Ancona non ha fatto in 4 anni

/ Autore:

Uncategorized , ,


IdeaLista soddisfatta per la riorganizzazione dell’Ufficio Tecnico: “Il Commissario Castaldo ha fatto in pochi mesi quello che l’Amministrazione non ha fatto in 4 anni”. Di seguito nota del movimento di Michele Marraffa:

“Siamo venuti a sapere, con molto piacere, che il Commissario Castaldo ha deciso di affiancare ai dirigenti dell’Ufficio Tecnico un’ulteriore figura, proveniente dalla Provincia, al fine di migliorare le sorti di un Ufficio che oramai è irresponsabilmente impantanato tra burocrazia e indecisionismo”. Sulla questione interviene il Movimento Politico IdeaLista.

Tale decisione era già stata prospettata a IdeaLista dallo stesso Commissario durante l’incontro avuto lo scorso 3 novembre, proprio per portare avanti quel processo di riorganizzazione delle deleghe e per una semplificazione della struttura dell’Ufficio seguendo le linee guida che IdeaLista aveva già presentato in Consiglio Comunale e che una miope amministrazione, quella passata, aveva intralciato e ignorato e che, invece, il Commissario Castaldo ha ritenuto, evidentemente, efficace.

Questa è l’ennesima dimostrazione che IdeaLista ha sempre proposto idee valide e concrete per migliorare la nostra città, idee che avrebbero portato ad una Martina migliore, che andavano anche a beneficio dei nostri “avversari” politici e che, invece, sono state frenate da una sinistra al governo con i paraocchi, spesso addirittura con la benda sugli occhi.

“Tramite gli organi di stampa e tramite alcuni professionisti martinesi – dice IdeaLista – abbiamo assistito alla cattiva gestione dell’Ufficio Tecnico, una gestione che ha bloccato l’edilizia privata, che cerca di mettere i bastoni tra le ruote a chiunque voglia eseguire qualunque intervento sulla sua proprietà e a chi, semplicemente, è costretto a interagire con l’Ufficio per un certificato di destinazione urbanistica (che a parer nostro ognuno dovrebbe poter stampare a casa dal proprio computer) o un’autorizzazione. Il cittadino è oramai scoraggiato a eseguire qualsiasi intervento che possa anche risanare le brutture presenti sul nostro territorio. Perché l’edilizia non è solo cemento, come ci vogliono far credere, ma è anche possibilità di mettere ordine a un territorio caotico e già saturo di costruzioni, è possibilità di porre rimedio alle brutture fatte negli anni ’70 e ’80, per tornare alla bellezza rurale della nostra amata Valle d’Itria”.

IdeaLista si dice fiduciosa: “Speriamo che con l’arrivo dell’Arch. Paolo Caramia qualcosa cambi e che finalmente si dia il via alla suddivisione che IdeaLista aveva fortemente chiesto e voluto, tra edilizia privata, gestione e pianificazione del territorio e gestione del patrimonio edilizio: una distinzione fondamentale che ha come inevitabile conseguenza una più celere operatività dei tecnici comunali e, speriamo, una maggiore chiarezza nella gestione dell’Ufficio.

“Rimaniamo sempre dell’idea – dice ancora IdeaLista – che il miglior tecnico per Martina sia colui che conosce il nostro territorio e la nostra storia, che, come i nostri preparatissimi architetti, ingegneri e geometri, vive tutti i giorni le nostre bellezze: il nostro barocco, i nostri muri a secco, i nostri trulli, le nostre masserie. Colui che rispetta queste bellezze e che vuole preservarne il valore. Martina ha tante intelligenze e professionalità che possono risollevare la nostra città e chi viene da fuori per dirigerle deve imparare a rispettarle e collaborare con loro per il bene comune”.

All’Arch. Caramia vanno i nostri auguri affinché possa svolgere al meglio il proprio compito e al Dott. Castaldo vanno i nostri complimenti per il buon senso e la saggezza mostrata nel prendere tale decisione.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?