Basket. Stretta sugli extracomunitari. Partono Carmon e Grey

/ Autore:

Basket, Sport


Marcus Carmon e Jonathan Gray hanno lasciato la squadra. O meglio, sono stati accompagnati all’aeroporto in fretta e furia. Alcuni raccontano che arrivati al consueto appuntamento per l’allenamento, ai due giocatori Carmon e Gray, rispettivamente pivot e guardia, siano stati consegnati i biglietti per tornare a casa. Il basket martinese, che sportivamente non è in un periodo particolarmente fortunato, perde due giocatori per effetto della stretta sull’immigrazione che sta avvenendo a livello nazionale. Come il caso più noto raccontato dalla trasmissione Sky Basket Room, saranno tempi difficili per le squadre dilettantistiche, quelle che cioè non sono considerate “lavoro”, come la serie C di basket in cui militano i bluarancio martinesi. La Lega, che secondo alcuni bene informati, fino all’anno scorso chiudeva entrambi gli occhi, ora ha iniziato ad attrezzarsi, tanto che alcune rappresentative sono state chiamate all’appello dalla Procura Federale. Secondo la legge italiana, solo chi è in possesso di un regolare contratto di lavoro può rimanere in Italia, mentre tutti gli extracomunitari che non lo posseggono, hanno diritto ad una permanenza di massimo tre mesi, con un visto turistico (se escludiamo i casi di richiedenti asilo e rifugiati politici). Il permesso di Carmon e Gray stava appunto scadendo (o era già scaduto) e quindi ai due ragazzi non rimaneva altro che farsi accompagnare in fretta all’aeroporto.


commenti

E tu cosa ne pensi?