Arte Franca e Casa Cappellari, a luglio scade l’affidamento. Convertini: “Il comune tuteli questi spazi”

/ Autore:

Politica, Società



Dopo la denuncia dell’ex assessore Antonio Scialpi a seguito degli atti di vandalismo a Martina Franca registriamo anche l’intervento dell’ex consigliere comunale Elena Convertini, che chiede la tutela di due spazi coinvolti in passato da progetti di rigenerazione urbana:

Chi ha sbagliato paghi, ovvio, ma sono da sempre convinta che la repressione e la punizione, senza l’impegno concreto all’educazione e senza la fiducia nelle persone e soprattutto nei giovani non serviranno a un bel niente. Compito di una classe dirigente che vuole davvero creare una comunità, è mettere in campo quelle “politiche generative” che hanno fatto diventare la Puglia un posto migliore. Ne abbiamo le prove ovunque. Occorre creare spazi di libera espressione, solo dopo si avrà il dritto di salire sul pulpito. Oltre a crearne di nuovi, è fondamentale tutelare gli spazi esistenti. Ricordo che a luglio scadrà l’affidamento dei Laboratori di Artefranca (ex tennis Club) e di Casa Cappellari al Kismet inaugurati dall’amministrazione Ancona grazie al grande lavoro dell’allora assessore Donatella Infante.

I due spazi sono stati ristrutturati grazie al bando di BOLLENTI SPIRITI, una misura ideata dal compianto Guglielmo Minervini e che ha fatto scuola in tutta Europa. Bollenti Spiriti partiva da un presupposto semplice quanto geniale, liberare l’energia creativa dei giovani e dar loro uno spazio. A mio avviso, i laboratori non possono restare chiusi neanche un giorno, per questo è necessario che si faccia subito un bando per permettere a questi due presìdi di cittadinanza attiva di continuare a vivere, auspicando che si prosegua in continuità con chi ha fatto di quei due spazi vuoti e inutilizzati dei laboratori di Politica Generativa.


commenti

E tu cosa ne pensi?