Manuscripta a sostegno dei bambini di Taranto: 80 disegnatori contro la strega ILVArum Yaga

/ Autore:

Cultura



Si chiama ILVArum Yaga ed è una strega capace di trasformarsi in vento e polvere, s’insinua nelle case degli uomini, si nasconde nei corpi dei bambini e lentamente si nutre delle loro vite”.

Comincia così la lunga chiacchierata con Piero Angelini, illustratore e direttore artistico di “Manuscripta Festival della Letteratura a Fumetti” di Martina Franca organizzato dai Presidi del libro e dall’Associazione Terra Terra.

ILVArum Yaga sarà la protagonista della mostra collettiva della seconda edizione di “Manuscripta Festival della Letteratura a Fumetti” che vedrà impegnati oltre 80 autori che si cimenteranno con questo mostro cercando di sconfiggerlo con la potenza delle loro matite.

“Abbiamo pensato di organizzare- commenta Angelini-  per la  seconda edizione del nostro festival  una mostra collettiva e benefica con oltre 80 autori che ha come tema proprio l’acciaieria che è nuovamente, in questi giorni, sotto i riflettori nazionali”.

L’idea pare sia nata dopo aver letto una ricerca sui bambini della “città dei due mari”. “I Bambini – continua Angelini – che vivono e crescono nel Quartiere Tamburi di Taranto sono esposti sin dalla loro vita intrauterina e durante tutta l’infanzia agli inquinanti immessi in ambiente dalle industrie che si trovano a ridosso del quartiere, tra cui la più grande acciaieria d’Europa. Tra le sostanze inquinanti, molte sono tossiche per il sistema nervoso infantile e possono causare una riduzione del Quoziente Intellettivo (QI) ed altre malattie del neurosviluppo. L’unica “cura” possibile per contrastare questi possibili effetti nocivi è quella di stimolare la mente, in fase di sviluppo, con la lettura ad alta voce fatta fin dai primi mesi di vita. per questo abbiamo subito pensato a una piccola soluzione: organizzare una mostra  vendendo le tavole il cui ricavato sarebbe stato speso proprio per questi bambini.”

Le stampe delle tavole inedite degli ottanta autori infatti,  potranno essere acquistate e il ricavato sarà devoluto all’Associazione Culturale Pediatri di Puglia e Basilicata, rappresentata dalla Dott.ssa Annamaria Moschetti, referente per la provincia di Taranto del Progetto Nati Per leggere, che provvederà all’acquisto dei libri certificati per la creazione di una vera e propria biblioteca terapeutica.

“La collettiva-  ci racconta il direttore artistico-  è solo la prima delle tante sorprese che quest’anno  accompagneranno  Manuscirpta, al momento non posso ancora svelare nulla,  anche perché ho promesso agli altri organizzatori di tenere la bocca chiusa,  però posso dirvi che ci saranno molti ospiti,  se tutto va bene un paio di proiezioni,  diverse presentazioni, 5 mostre personali, e naturalmente dei workshop sul fumetto e un paio di serate musicali”.

In un momento storico come questo per la città di Taranto dove si parla di circa 5-6000 esuberi  previsti dai due piani Industriali di cui si sta discutendo in questi giorni gli organizzatori di Manuscripta hanno voluto concentrarsi anche sul problema salute con questa mostra che sarà possibile visitare  gratuitamente dal  5 (giorno dell’inaugurazione) al 15 ottobre presso il Palazzo Ducale di Martina Franca.

Spulciando  tra gli oltre 80 disegnatori si scorgono i nomi di: ZeroCalcare, AKAB,  Walter Trono, Toni Bruno, Tanino Liberatore, Maicol e Mirco, Lelio Bonaccorso, Lorena Canottiere, Francesca Cosanti, Laura Scarpa, ecc, “È  stato un lavoraccio -conclude Angelini-  contattarli uno per uno,  ma non appena raccontavo del progetto benefico che la mostra sottendeva, tutti mi hanno subito detto di sì, il mondo del fumetto è fatto così, ed è uno dei mondi che preferisco”.

Per saperne di più basta seguire la pagina Facebook: Manuscripta.

 


commenti

E tu cosa ne pensi?