Notte di Capodanno, niente botti nè vetro: il sindaco firma l’ordinanza

/ Autore:

Società



Il Sindaco, Franco Ancona, ha emanato ordinanza relativa al “Divieto di vendita, somministrazione, detenzione e consumo di bevande e alimenti in contenitori di vetro, di accensione fuochi di artificio, petardi e qualsiasi tipo di botti e mortaletti, in Piazza XX Settembre, nel Centro Storico e nelle vie in ordinanza” per la notte del 31 dicembre 2017:

Ordinanza sindacale n. 27 del 27/12/2017

Oggetto: divieto di vendita, somministrazione, detenzione e consumo di bevande e alimenti in contenitori di vetro, di accensione fuochi di artificio, petardi e qualsiasi tipo di botti e mortaletti, in piazza XX Settembre e nelle vie in ordinanza, 31 dicembre 2017

IL SINDACO

PREMESSO che il 31 dicembre p.v., in occasione della festività del Capodanno, in Piazza XX Settembre si svolgerà un concerto che comporterà un significativo flusso di residenti e turisti;

CONSIDERATO che si ritiene necessario prevenire il verificarsi di episodi di inciviltà e vandalismo che recano disagio e pregiudicano la vivibilità della città e il godimento della stessa da parte dei partecipanti all’evento;

RITENUTO di contrastare le situazioni di possibile abbandono di contenitori di bevande e alimenti in vetro che possono costituire pregiudizio per il decoro delle aree pubbliche e private;

CONSIDERATO che è compito anche dell’Amministrazione Comunale tutelare la civile convivenza e le condizioni di vivibilità delle aree urbane contribuendo ad impedire possibili fenomeni di degrado e ogni possibile ed eventuale attività che possa determinare turbative di sorta;

EVIDENZIATO che in considerazione dell’evento in oggetto i suddetti fenomeni interessano le seguenti aree: Piazza XX Settembre e rami adducenti, ovvero Via Santoro, Via Barnaba, Via Verdi, Via Abate Fighera e l’intero centro storico ricompreso all’interno delle mura (inclusa Piazza Umberto);

RITENUTO che l’adozione delle seguenti misure possa contribuire alla tutela della salute e dell’incolumità delle persone e a contrastare i possibili fenomeni di incuria e di degrado riconducibili al consumo di bevande e alimenti in contenitori di vetro o al consumo non responsabile di bevande alcoliche, nonché alla vendita e alla detenzione di prodotti pirotecnici:

• divieto di somministrazione e vendita di bevande e alimenti in contenitori di vetro, nonché di utilizzo di qualsiasi altro materiale pericoloso per la sicurezza pubblica, nelle aree sopra citate;

• divieto di detenere e consumare bevande ed alimenti in contenitori di vetro, nonché di utilizzo di qualsiasi altro materiale pericoloso per la sicurezza pubblica, nelle aree sopra citate;

• Divieto di accensione di fuochi di artificio, petardi e qualsiasi tipo di botti e mortaletti, nelle aree sopracitate;

VISTO l’art. 54 del D.Lgs. n. 18/08/2000, n. 267 e s.m.i., ed in particolare il comma 4 che dispone che “Il Sindaco, quale Ufficiale di Governo, di adottare, con atto motivato, provvedimenti contingibili ed urgenti nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento, al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. I provvedimenti di cui al presente comma sono preventivamente comunicati al Prefetto, anche ai fini della predisposizione degli strumenti ritenuti necessari alla loro attuazione”;

VISTA la Legge 24/11/1981, n. 689 e il relativo D.P.R. 29/7/1982, n. 571;

VISTO l’art. 17 del T.U.L.P.S;

O R D I N A

– dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2017 alle ore 06.00 del 1 gennaio 2018, il divieto di vendita di bevande e alimenti in contenitori di vetro, nonché di utilizzo di qualsiasi altro materiale pericoloso per la sicurezza pubblica, all’interno delle aree interessate dall’evento:
Piazza XX Settembre e rami adducenti, ovvero Via Santoro, Via Barnaba, Via Verdi, Via Abate Fighera e l’intero centro storico ricompreso all’interno delle mura (inclusa Piazza Umberto);

– il divieto è diretto agli esercenti i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, agli esercenti commerciali di vendita al dettaglio, ai laboratori artigianali alimentari con annessa attività di vendita di bevande, ai titolari di distributori automatici di bevande, nonché agli operatori anche non professionali che esercitano l’attività di vendita e somministrazione negli eventi di somministrazione temporanea

– dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2017 alle ore 06.00 del 1 gennaio 2018, il divieto detenere e consumare bevande ed alimenti in contenitori di vetro, nonché di utilizzo di qualsiasi altro materiale pericoloso per la sicurezza pubblica, nelle seguenti aree: Piazza XX Settembre e
rami adducenti, ovvero Via Santoro, Via Barnaba, Via Verdi, Via Abate Fighera e l’intero centro storico ricompreso all’interno delle mura inclusa Piazza Umberto;

– dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2017 alle ore 06.00 del 1 gennaio 2018, il divieto di accensione di fuochi di artificio, petardi e qualsiasi tipo di botti e mortaletti, nelle seguenti aree: Piazza XX Settembre e rami adducenti, ovvero Via Santoro, Via Barnaba, Via Verdi, Via
Abate Fighera e l’intero centro storico ricompreso all’interno delle mura inclusa Piazza Umberto;

Le sanzioni alle disposizioni contenute nella presente ordinanza saranno punite secondo la normativa vigente.

A V V I S A

che il presente provvedimento sarà reso noto alla cittadinanza mediante pubblicazione all’Albo Pretorio online.

D I S P O N E

che il presente provvedimento venga trasmesso inoltre a:
• Prefettura di Taranto
• Questura di Taranto
• Comando Provinciale dei Carabinieri di Taranto
• Comando Compagnia dei Carabinieri di Martina Franca
• Comando Polizia Locale di Martina Franca
• S.U.A.P. del Comune di Martina Franca

che gli organi di polizia sono tenuti all’esecuzione e alla vigilanza in ordine all’attuazione della presente Ordinanza.

I N F O R M A

Che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al T.A.R. della Regione Puglia entro il termine di 60 gironi dall’avvenuta pubblicazione, ovvero il ricorso al Presidente della Repubblica in applicazione del D.P.R. n. 1199/71, entro il termine di 120 giorni.

 


commenti

E tu cosa ne pensi?