Ceglie Messapica: Sistema Gusto d’Arte, bilancio davvero positivo a due anni dall’inaugurazione

/ Autore:

Cultura, Società



Due anni di vita con ottimi numeri ed un trend destinato addirittura a crescere. E’ il Sistema Gusto d’Arte, polo culturale di Ceglie Messapica che comprende museo, biblioteca e pinacoteca. Un sistema che nell’ultimo anno ha fatto registrare oltre 35mile visite confermando gli ottimi numeri anche nei primi mesi del 2018. Una struttura che mese dopo mese è diventata un vero e proprio punto di riferimento per la città messapica che dall’inaugurazione del maggio 2016, ha risposto in maniera ottimale alle esigenze culturali di studenti, cittadini e turisti. Un fiore all’occhiello sul quale la città messapica continuerà ad investire anche per il futuro come spiega l’assessore alla cultura di Ceglie Messapica, Antonello Laveneziana: “Pronti ad allargare ulteriormente l’offerta con nuove rassegne ed eventi che ingloberanno tutti i settori del nostro polo culturale” – ha commentato Laveneziana. Un polo culturale che comprende, pinacoteca, intitolata ad Emilio Notte, biblioteca intitolata a Pietro Gatti e museo, incastonato nel centro storico cegliese e in alcuni locali del Castello Ducale. Una vera e propria attrazione culturale che ha saputo rinnovarsi di mese in mese, attirando le attenzioni di turisti, cittadini e di scolaresche di ogni ordine e grado, con l’organizzazione di numerosi eventi. Altro fattore importante e decisivo il programma di visite guidate per turisti italiani e provenienti dall’estero, che hanno fin da subito apprezzato rassegne, mostre ed eventi del polo culturale cegliese finalizzati alla valorizzazione del patrimonio culturale locale e del territorio. Tra queste, grande importanza è stata data al libro con rassegne e mostre di libri antichi, alcuni appartenenti alla storia cegliese, particolarmente apprezzate dai visitatori, con il coinvolgimento della città con diversi incontri con cittadini, non solo per favorire un contatto diretto con la risorse culturali della propria città ma anche finalizzati ad ascoltare esigenze e proposte per migliorare alcuni aspetti del sistema. Strutture e spazi che quotidianamente gli studenti vivono trascorrendo ore tra studio ed approfondimenti. Una scommessa vinta quella dell’Amministrazione comunale cegliese anche grazie alla collaborazione della società cooperativa Imago, che gestisce gli spazi del polo culturale cegliese, e che lo scorso mese è stata presentata come esempio da seguire durante il workshop organizzato a Bari, promosso dal Consiglio Regionale Pugliese – Teca del Mediterraneo ed intitolato “La bellezza abita in biblioteca. Architetture, patrimoni e comunità”. Sicuramente la capacità di unire tradizione ed innovazione tra i fattori decisivi del primo biennio di vita del Sistema Gusto d’Arte e che ha portato a numeri davvero positivi, con presenze di ragazzi e studenti, quasi 10mila, che durante l’anno hanno usufruito delle sale studio e dei numerosi laboratori messi a loro disposizione. Più di 2mila invece gli accessi a internet e positivi anche i numeri per quanto riguarda la biblioteca, con quasi 1000 prestiti e più di 500 consultazioni, mentre oltre 13mila i visitatori giunti grazie al programma di visite guidate. “Una progettualità che sta ripagando, andando oltre alle nostre attese” – commenta l’assessore alla cultura del comune messapico Antonello Laveneziana. “Il Sistema culturale è nato con l’obiettivo di racchiudere tutte le risorse culturali di Ceglie Messapica, avviando un forte processo di destagionalizzazione del turismo. I risultati dei primi due anni di attività del polo culturale sono davvero ottimi e questo grazie ad attività mirate dell’Amministrazione comunale in collaborazione con Imago“. Il segreto? “Nessun segreto ma un lavoro finalizzato ad unire la nostra tradizione culturale con l’innovazione ed una offerta costante che ha portato alla realizzazione di numerosi eventi, mostre e rassegne in grado di attirare l’attenzione di turisti, italiani e provenienti dall’estero e di numerosi studenti” – ha concluso Laveneziana.


commenti

E tu cosa ne pensi?