Maltempo, il punto dalla Protezione Civile. Genco: ascoltare le allerte ridurrebbe i disagi

/ Autore:

Società



Le copiose precipitazioni e le violente raffiche di vento che ieri pomeriggio si sono abbattute in Valle d’Itria hanno creato non pochi disagi e situazioni di potenziale pericolo, sia alle abitazioni che lungo le strade urbane e extraurbane.

Tra le situazioni più pericolose c’è da segnalare quella avuta in piazza Plebiscito, dove in un palazzo di fronte alla Basilica di San Martino c’è stata l’ostruzione dell’intero sistema di scolo, messo in crisi dall’enorme massa d’acqua ricaduta nel giro di pochi minuti. Allarmati dalla situazione, i residenti hanno chiamato i soccorsi e pronto è stato l’intervento della locale Protezione Civile. Abbiamo sentito Gianni Genco (SER Martina) che ha commentato così: “L’acqua aveva rapidamente raggiunto i 30 cm in diversi punti, specie sul tetto e stava già risalendo lungo i muri. I ragazzi della squadra di soccorso hanno fatto un gran lavoro con le apparecchiature specifiche di cui siamo dotati, operando in un contesto di potenziale pericolo e che poteva anche generare del panico. La situazione era infatti critica e si poteva anche rischiare il crollo del tetto”.

Diversi poi i disagi per gli automobilisti rimasti in panne lungo le strade, come una famiglia olandese in vacanza in Valle d’Itria e che ha avuto un incidente lungo Via Massafra. Il sinistro – accaduto presumibilmente per cause legate al fondo scivoloso e alla scarsa visibilità – non ha avuto fortunatamente conseguenze fisiche per nessuno, coi Carabinieri e il personale della Protezione Civile che hanno assistito i turisti, tranquillizzandoli e accompagnandoli in un b&b.

Diverse sono poi le abitazioni rimaste senza elettricità nell’agro, con la Protezione Civile che in questo momento è in viaggio verso Via Noci per installare un gruppo elettrogeno in una zona rimasta al buio, così come diverse sono le aree rimaste senza pubblica illuminazione, come Zona F e contrada San Paolo.

Per il resto si sono segnalati problemi alla viabilità lungo diversi tratti sia urbani che extraurbani, come via Saliscendi e la zona di Via della Resistenza ma Genco ha il suo punto di vista: “Sui problemi legati alla viabilità non si può fare più di tanto ma diciamo che molto spesso le situazioni di pericolo scaturiscono da comportamenti sbagliati della gente, perché i disagi che vengono a crearsi sono tanti e tutti differenti. La popolazione dovrebbe prestare più attenzione visto che sia la Protezione Civile che il Comune hanno mandato allerte meteo attraverso tutti i canali possibili almeno 24 ore prima, ma la gente molto spesso non presta attenzione agli avvisi e viene poi a trovarsi in situazioni di pericolo assolutamente evitabili. Non si può ad esempio paragonare il rimanere in panne per strada con l’allagamento di un terrazzo o di una casa. Questi comportamenti non sono da sottovalutare perchè se riuscissimo a ridurli potremmo evitare di sovraccaricare i centralini delle forze dell’ordine, dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile, dando così priorità agli interventi davvero necessari”.

(in foto: contrada San Paolo)


commenti

E tu cosa ne pensi?