Ceglie Messapica: Presentata l’associazione politico-culturale “Rigenera”

/ Autore:

Cultura, Politica



Presentata l’associazione politico-culturale cegliese “Rigenera” che punta a sviluppare le tematiche di città sostenibile, istruzione ed educazione, cultura, pari opportunità, ambiente e territorio, economia civile. Alla presentazione della neo associazione politico-culturale di Ceglie Messapica, hanno preso parte i referenti della nuova relatà associativa, Angela Vitale, Fabio Vitale, Osea Putignano e Andrea Visicchio, che in merito ad una possibile candidatura dell’associazione alle prossime elezione comunali del maggio 2020, nel corso della conferenza stampa non c’è stata nessuna presa di posizione ufficiale ma i referenti dell’associazione hanno aperto alla possibilità di dialoghi con qualsiasi forza politica a condizione che venga preso in considerazione l’obiettivo programmatico dell’associazione. L’associazione nasce con l’obiettivo di dare nuova linfa a diversi ambiti della città attraverso la collaborazione dei cittadini e all’impegno dei giovani, occupandosi di politiche di sviluppo locale con un progetto finalizzato alla valorizzazione delle competenze degli abitanti e delle risorse del territorio. In che modo? Mettendo a disposizione della città tempo, risorse, competenze e conoscenze per costruire azioni concrete per sostenibilità, istruzione ed educazione, cultura, pari opportunità, ambiente e territorio, economia civile. Un progetto che prenderà quota subito, a partire da dicembre, con una serie di appuntamenti con la cittadinanza, professionisti, imprese, le associazioni di categoria, istituzioni, terzo settore, dove saranno approfonditi temi e ambiti proposti dall’associazione per organizzare fin da subito iniziative concrete. In questo senso saranno valutate anche le possibilità per attingere ai finanziamenti per attrarre risorse e opportunità messe a disposizione delle politiche comunitarie, statali e regionali e con i quali incrementare i progetti dell’associazione.


commenti

E tu cosa ne pensi?