Ceglie Messapica: Ufficiale il record di Leonardo Saponaro

/ Autore:

Altri sport, Sport


Ufficialmente doppietta mondiale per Leonardo Saponaro, il 27enne atleta cegliese che lo scorso 14 dicembre, presso il centro “Postura&Benessere” del dott. Claudio Venza a Ceglie Messapica, ha percorso in bici su rullo 305,76 km in 7 ore e 54 minuti conquistando il secondo Guinness World Record dopo quello del 20 aprile, dove con le stesse modalità ha definito il record di 57,18 km in un’ora, presso il “Palasport 2006” di Ceglie Messapica. Tutta la documentazione relativa alla prova di Saponaro è stata inviata e valutata dalla Guinness World Records, che ha rilasciato nei giorni scorsi il nulla osta per l’ufficialità della prova ed il conseguente record e nei prossimi giorni invierà all’atleta di Ceglie Messapica la targa che attesta l’omologazione del primato mondiale. Leonardo Saponaro a 27 anni chiude quindi questo 2019 “mondiale” nel migliore dei modi inglobando nel suo palmarès un altro risultato omologato dalla Guinness World Records che si aggiunge a tutti i successi ottenuti in un ricco percorso sportivo che lo ha visto diventare un semiprofessionista con numerose convocazioni a gare nazionali e internazionali, dove spiccano due Campionati Italiani consecutivi e il GiroBio, prima di dedicarsi all’ultracycling con diverse iniziative tra cui il Giro dell’Italia in solitaria (2500 km in 10 giorni) e il “Giro di Puglia in 24h”, un evento benefico di 600km lungo tutta la regione in sole 21 ore e 30 minuti. Ora per il recordman di Ceglie Messapica, che si gode un altro primato mondiale in pochi mesi e che da qualche settimana è anche tra i più giovani dirigenti di una società sportiva, in quanto presidente e fondatore del GSK – Gruppo Sportivo Kailia, è tempo per un meritato riposo: “Questo secondo risultato è meno imbattibile del primo, non so chi vorrà provare a batterlo, ma gli auguro di cuore di non pedalare per due ore con i crampi come nel mio caso” – ha dichiarato Saponaro che aggiunge: “Ora è il momento di pensare ai ragazzi del mio team”.


commenti

E tu cosa ne pensi?