Coronavirus: Al via l’invio di domande per i buoni spesa e la campagna “Connessione condivisa”

/ Autore:

Società


Presentata questa mattina, in una video conferenza con la stampa locale, la nuova sezione del sito istituzionale del Comune di Martina Franca dedicato totalmente all’emergenza Coronavirus.

Erano presenti il Sindaco, Franco Ancona, il Segretario Generale, dott.ssa Lucia d’Arcangelo, l’assessore all’Innovazione tecnologica Valentina Lenoci, il Dirigente della Protezione Civile ing. Giuseppe Mandina, l’Ufficio comunale per la Transizione al Digitale, l’Ufficio di Protezione Civile, e diversi giornalisti intervenuti, tra cui l’emittente Teletrullo che ha effettuato la diretta TV della conferenza.

La nuova sezione contiene tutte le informazioni utili per i cittadini e tutti i servizi attivi a sostegno delle famiglie e i link utili sulle iniziative messe in campo dal Comune di Martina Franca.<

Stiamo presentando il riordino delle attività online– ha sottolineato il sindaco in avvio della video conferenza stampa -, attività che comunque già c’erano sul sito. Vogliamo che l’approccio ai nostri strumenti sia fatto con tutti i device possibili”.

All’interno della nuova sezione tutti i moduli dedicati ai Buoni Spesa (qui l’articolo su come farne richiesta). Al fondo del Governo, pari a 377 mila euro, si sono aggiunti i 134 mila euro che la Regione Puglia ha stanziato per aiutare le famiglie in difficoltà, e circa 195 mila euro del Comune (che dovrà in ogni caso passare dal Consiglio comunale in quanto ci sono variazioni sul bilancio comunale ndr). Il sindaco Ancona in video conferenza ha dichiarato: “Il consiglio comunale sarà convocato nel più breve tempo possibile, abbiamo già condiviso l’urgenza con il presidente. Valuteremo la progressione delle richieste e l’appropiatezza delle risorse. La situazione di improvvisa mancanza di reddito – continua il Sindaco -, mette in evidenza tante famiglie che svolgono lavori precari, a volte anche a nero. Con lo spirito di avvicinamento al bisogno, alla mancanza di liquidità improvvisa, abbiamo previsto questo intervento”.

Le domande, che devono essere presentate entro il 10 aprile, possono essere compilate direttamente online attraverso l’apposito modulo presente nella sezione citata. Questo evita al cittadino l’incombenza di stampare e inoltrare la domanda al protocollo in quanto l’operazione è effettuata in automatico dagli uffici comunali. Il modulo è compilabile anche con un semplice smartphone.

La dott.ssa Lucia D’Arcangelo, a tal proposito, ha voluto specificare che l’ufficio protocollo non distribuirà il cartaceo: “Molti cittadini si sono recati allo sportello del protocollo in questi giorni per richiedere il modulo“.

È possibile scaricare la domanda o reperire la stessa in modalità cartacea in alcuni punti della città che l’Amministrazione sta in questo momento disponendo. Una volta compilato e integrato di copia della carta d’identità, può essere trasmesso tramite mail all’indirizzo:
protocollo.comunemartinafranca@pec.rupar.puglia.it o in via del tutto residuale consegnato brevi manu presso l’ufficio protocollo di Palazzo Ducale.

Il servizio, partito ufficialmente oggi, in mezza giornata ha permesso di ricevere oltre 100 domande in poche ore.

Per chi non ha la possibilità di accedere a internet il Comune ha ideato la campagna “Connessione Condivisa”, rivolta a tutti i cittadini che hanno una connessione di rete stabile. Sostanzialmente un appello per manifestare la disponibilità a condividere la propria connessione, per l’intera giornata o anche per alcune ore, con le famiglie, i bambini e gli studenti impegnati nella Didattica a distanza.Basta compilare il modulo telematico presente sul sito del Comune.

Un primo passo per provare ad aiutare i giovani studenti cittadini che in questi giorni sono tenuti a seguire le lezioni scolastiche online, ma non hanno una connessione di rete che glielo consente. Un piccolo gesto di solidarietà che tutti possiamo fare mentre si continua a lavorare per azioni più stabili finalizzate a fornire una connessione e per fornire Pc o tablet alle famiglie che ne hanno bisogno in questo particolare momento.


commenti

E tu cosa ne pensi?