F1: Carlos Sainz sostituirà Vettel in Ferrari. Binotto: “Per Giovinazzi era troppo presto”

/ Autore:

Formula 1


L’improvvisa separazione tra Sebastian Vettel e la Ferrari ha dato il via ad un vero e proprio domino non del tutto concluso. Dopo l’ufficializzazione di Carlos Sainz come secondo pilota Ferrari, oggi è arrivata la conferma del passaggio di Daniel Ricciardo, per qualche ora accostato alla rossa di Maranello, dalla Renault alla McLaren. Un altro dei candidati, anche se timidamente proposto da alcune testate del settore, era proprio il nostro Antonio Giovinazzi.

Un sogno più che una reale possibilità, soprattutto per i tempi e il contesto in cui è scoppiato il caso Vettel in Ferrari. Giovinazzi puntava molto sull’inizio di questo campionato, avrebbe dovuto dimostrare in pista di essere pronto per poter mettere sul piatto di una possibile trattativa le sue buone prestazioni. Purtroppo è arrivata la pandemia a bloccare tutto e l’improvvisa, anche se annunciata, separazione tra Vettel e Ferrari ancora prima dell’inizio del campionato.

Ora che i giochi sono quasi fatti per il 2021 Giovinazzi deve puntare tutto sulla riconferma in Alfa Romeo e rimanere così in orbita Ferrari, questo per potersi giocare nel 2022, quando scadrà il contratto di Sainz, il sedile della rossa di Maranello. Deve confermare il suo personale trend di crescita, nonostante le prestazioni non esaltanti dell’Alfa Romeo Racing nei testi pre-stagionali di Barcellona.

Lo stesso Mattia Binotto, durante una diretta su Sky Sport, ha dichiarato: “Antonio è un ragazzo che stimo molto. L’anno scorso si è fatto la sua prima stagione in Formula 1, passare in Ferrari dopo un anno credo richieda troppa responsabilità. Deve farsi le spalle larghe, noi contiamo sulla sua crescita e lo aiuteremo. Rientra nei nostri piani, ma deve fare ancora esperienza in F1“.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?