Riaperture. Ecco l’ordinanza della Regione Puglia

/ Autore:

Economia, Società , ,


La Regione Puglia ha emesso l’ordinanza con la quale definisce le modalità di apertura delle attività commerciali e degli esercizi pubblici, prevista da domani 18 maggio 2020. L’ordinanza arriva a pochissime ore dalla riapertura e di fatto conferma il DPCM del 17 maggio 2020.

Isolamento fiduciario per chi viene da fuori Puglia

Fino al 2 giugno 2020 sono vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. A tal fine sono prorogati gli effetti dell’art.7 dell’ordinanza del Presidente della regione Puglia n.214 del 28 aprile 2020, limitatamente alle prescrizioni per l’isolamento fiduciario delle persone fisiche che fanno ingresso nella regione, al di fuori delle succitate ipotesi previste dalla norma, per rientrare in Puglia nel proprio domicilio, abitazione o residenza, al fine di soggiornarvi continuativamente.

Possono ripartire i mercati di tutti i settori merceologici

Le Amministrazioni comunali possono procedere all’apertura dei mercati sul proprio territorio, per tutti i settori merceologici: alimentari, non alimentari e misti purché, siano osservate e fatte osservare le misure di prevenzione e di sicurezza, previste nelle linee guida regionali assicurando il rispetto delle misure generali per la prevenzione della trasmissione del virus ed in particolare, il distanziamento fisico, l’igiene delle mani e della persona, la pulizia e la sanificazione degli ambienti di lavoro e l’uso di dispositivi di protezione individuale laddove il distanziamento fisico non possa avere luogo.

Dal 25 maggio si potrà andare in spiaggia

Le Amministrazioni comunali possono consentire l’utilizzo delle spiagge libere a decorrere dal 25 maggio nel rispetto delle indicazioni contenute nelle linee guida regionali.

Testo integrale dell’ordinanza 237/2020 e allegati


commenti

E tu cosa ne pensi?