Il vento d’estate di Max Gazzè “scende in palco” a Ostuni: all’Arena Bianca 2 ore di successi

/ Autore:

Cultura


Prosegue la stagione dei concerti estivi, una stagione fortemente influenzata dal coronavirus e dalle prescrizioni messe in campo dal Governo nel tentativo di arginare il contagio, un contagio che purtroppo sta facendo segnare nuovamente numeri al rialzo.

Nella serata di ieri Max Gazzè è tornato in Puglia e precisamente sul Palco dell’Arena Bianca per il Soundtrack Festival, rassegna sonora che comprende tra gli altri oltre al cantautore romano anche la band barese Rimbamband, la PFM e Mirko Lodedo. Il nome del tour del cantautore è tutto un programma: “Scendo in palco” è la scelta di posticipare la registrazione del nuovo disco per tornare sui palchi di tutta Italia (anche se a pubblico ridotto), assieme a musicisti e staff “che da anni mi accompagnano e senza i quali non esisterebbero i concerti”, così come dichiarato dallo stesso Gazzè su Facebook lo scorso maggio.

Sono state due ore piene di successi, cantate dal pubblico a gran voce. Tra le altre: Mille volte ancora, Teresa, La favola di Adamo ed Eva, Il timido ubriaco, L’amore non esiste (scritta insieme ai fratelli musicali Daniele Silvestri e Niccolò Fabi), La leggenda di Cristalda e Pizzomunno (ambientata della magica Vieste) e l’immancabile Vento d’estate.

Il cantautore e bassista (armato dei soliti Fender Jazz Bass custom) ha inoltre eseguito il pezzo scritto per i titoli del film di Rocco Papaleo – in pieno stile soundtrack, così come da titolo del festival – intitolato Mentre dormi.

Nota di merito per gli organizzatori, che hanno rispettato al massimo le prescrizioni, fra totem con gel igienizzante in gran numero, hostess che accompagnavano gli spettatori al proprio posto (numerato e correttamente distanziato dagli altri) e steward che garantivano il rispetto delle norme di sicurezza, facendo allontanare il pubblico dalle aree in cui non era consentito sostare in piedi.


commenti

E tu cosa ne pensi?