Vaccini Covid-19. Si inizia il 22 febbraio. Da giovedì 11 sarà possibile prenotarsi in farmacia

/ Autore:

Società


Edit. ore 19.55

Si inizierà il 22 febbraio, in Puglia, a vaccinare gli ultraottantenni, ma da giovedì 11 febbraio sarà possibile prenotare il vaccino nelle farmacie. A dare la notizia è l’assessore alla Salute Pier Luigi Lopalco: “Le vaccinazioni anticovid per gli ultra 80enni inizieranno in Puglia a partire dal 22 febbraio. Agli ultra 80enni sarà somministrato vaccino Pfizer o Moderna. Da giovedì 11 febbraio sarà possibile effettuare le prenotazioni in farmacia presentando la tessera sanitaria fisicamente, o su delega, senza prescrizione del medico, tramite il sistema FarmaCup. Sarà possibile prenotarsi anche attraverso il sistema Cup, che è il sistema più capillare di cui disponiamo. Infine sarà possibile prenotarsi anche attraverso il portale PugliaSalute. Ci saranno agende diverse per gli ultra ottantenni che effettueranno il vaccino in ambulatorio (nelle sedi ASL individuate su tutto il territorio regionale) e per chi dovrà farlo a casa. Le agende terranno conto della prima e della seconda somministrazione. In parallelo, già a partire dalla prossima settimana, e quindi dal 15 febbraio, si inizierà con le prenotazioni per i vaccini Astrazeneca degli operatori scolastici e dei componenti delle forze dell’ordine, intesi come personale in buona salute. Le vaccinazioni di insegnanti e operatori delle forze dell’ordine saranno gestite direttamente dalle rispettive amministrazioni”

Edit. ore 19.00

L’Asl non ha ancora comunicato ufficialmente dove ci saranno i centri di vaccinazione a Martina Franca, che al momento sappiamo informalmente essere presso la Società Operaia o presso il Centro Servizi in Piazza d’Angiò, messo a disposizione dall’Amministrazione, come comunicato via social dal sindaco Ancona. Salta quindi la data di giovedì 11 febbraio come data di inizio.

In merito alle vaccinazioni presso la sede della Società Operaia, è opportuno condividere una precisazione: come da piano vaccinale, saranno vaccinati prima gli ultraottantenni soci, quindi i coetanei residenti nel centro storico. Ma anche in questo caso, a parte un accordo verbale avvenuto sabato scorso durante il sopralluogo presso i locali della Società Operaia, non vi è alcuna certezza né comunicazione ufficiale.

Quello che sappiamo per certo, finora, è che il presidente della Società Operaia ha comunicato la disponibilità di ospitare le vaccinazioni, che l’Asl ha fatto un sopralluogo sabato scorso alla presenza del presidente e del sindaco Ancona, e che sono stati inviati gli elenchi dei soci con almeno settant’anni di età all’Asl.

Sentito telefonicamente, il presidente della Società Operaia commenta: “I nostri soci saranno contattati da noi, non sappiamo come avverrà la comunicazione verso gli anziani residenti nel centro storico”. La data di giovedì 11 febbraio, individuata come inizio era stata comunicata informalmente dalla delegazione Asl che sabato mattina ha fatto i sopralluoghi presso i locali del sodalizio, in piazza Garibaldi, a Martina Franca.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?