Innova Locorotondo sulla pedonalizzazione e chiusura del Centro storico

/ Autore:

Politica


Pubblichiamo un comunicato relativo alla posizione del Gruppo INNOVA Locorotondo sul tema della pedonalizzazione affrontato durante il Consiglio Comunale del 14 giugno 2021.

Come ogni anno, il nostro paese è toccato dal problema della chiusura del traffico all’interno della cinta muraria storica. Su questo, l’8 giugno 2021, il Gruppo Consiliare INNOVA Locorotondo, composto da Marianna Cardone, Giovanni Oliva, Lucia Calella e Grazia Ruggiero, ha interrogato la maggioranza in merito alla chiusura del traffico e alla gestione della pedonalizzazione all’interno del centro storico.

Tale azione intrapresa dall’Amministrazione Comunale e non comunicata tramite i canali istituzionali, non risolve un problema che necessita di una soluzione da troppi anni.

Durante lo scorso Consiglio Comunale del 14 giugno 2021, il Gruppo Consiliare di INNOVA ha chiesto a gran voce all’Amministrazione la creazione di un tavolo condiviso con i cittadini residenti e con i commercianti del borgo, per comprendere le esigenze e le difficoltà di una chiusura totale del centro storico e per la realizzazione di un progetto di pedonalizzazione razionalizzata.

Inibendo l’ingresso nel centro storico tout court, non si fa altro che danneggiare le attività commerciali impedendo la gestione efficiente delle esigenze di approvvigionamento per il proprio servizio, generando ricadute economiche e d’immagine negative sul paese e sugli esercizi stessi.

Locorotondo non è il primo paese ad affrontare la questione. In Italia, ci sono molti casi virtuosi di zone storiche di alto valore che hanno saputo affrontare e risolvere problematiche simili. Riteniamo necessario ispirarsi a tali esempi riprendendo i piani di gestione smart e declinarli alle caratteristiche del nostro borgo.

Nessuna pedonalizzazione, razionalizzata o totale, è possibile se non coadiuvata da un progetto più grande di implementazione dei parcheggi nella zona dell’immediata periferia locorotondese. Su questo punto ci siamo battuti per l’ennesima volta in Consiglio, ritenendo la creazione di parcheggi un punto fondamentale per il rilancio del paese dopo la crisi economica dovuta alla pandemia.

Dopo dieci anni, si adottano ancora provvedimenti tampone non risolutivi, che gravano inutilmente sulle casse comunali. Mancano ancora adeguate soluzioni per la gestione del flusso di persone e auto. Occorre un netto cambio di passo, che permetta al paese di spiccare come best case del territorio, ecologica e funzionale.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?